Ravenna celebra i patrioti del Risorgimento

Ravenna celebra i patrioti del Risorgimento

Ravenna celebra i patrioti del Risorgimento

RAVENNA - Venerdì mattina in piazza Garibaldi, davanti alla lapide che ricorda i martiri ravennati del Risorgimento, il professor Luigi Lotti, presidente del comitato per il 150mo dell'unità d'Italia, e il vicesindaco Gianntonio Mingozzi hanno deposto tre corone in memoria di tutti i ravennati che hanno offerto la propria vita per la Repubblica Romana e di tutti coloro che si sono battuti per l'affermazione delle idee risorgimentali e repubblicane.

 

GUARDA LA FOTOGALLERY (di Massimo Argnani)

 

"E' la data in cui ricorre anche l'anniversario della beatificazione di papa Pio IX - ha sottolineato Mingozzi - per la quale esprimiamo il profondo disaccordo del mondo laico perchè fu accerrimo avversario del Risorgimento, fautore della restaurazione della pena di morte e avversario di ogni anelito di libertà repubblicana". Ma questa occasione - ha detto Luigi Lotti - ci consente di ricordare come Ravenna sia la città d'Italia che ha ricevuto più proposte di iniziative da tenersi per il 150mo: si tratta di un calendario di cinquanta eventi che presto presenteremo ufficialmente e che serviranno a disegnare in questa città un itinerario rivolto alle nuove generazioni che sono referente indispensabile per il futuro delle idee risorgimentali e della nostra Repubblica".

 

Alla manifestazione hanno assisitito un centinaio di persone tra le quali rappresentanti dell'associazione mazziniana, della "Pensiero e azione", della società conservatrice del capanno Garibaldi e della "Fratellanza Garibaldina". Presenti anche l'assessore provinciale Eugenio Fusignani, Paolo Barbieri, Luisa Babini e Claudio Suprani, Fabio Bocchini, Ivano Artioli.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -