RAVENNA - Cna: dall'aeroporto 'La Spreta' un'opportunità per il territorio

RAVENNA - Cna: dall'aeroporto 'La Spreta' un'opportunità per il territorio

RAVENNA - L’ENAC nazionale ha inserito l’Aeroporto di Ravenna La Spreta tra quelli su cui investire. Ed ha stanziato un milione di euro per la messa in sicurezza della superficie con la recinzione e la manutenzione della pista.


A questo si aggiunge la volontà della Provincia di Ravenna di inserire lo sviluppo dell’Aeroporto tra le azioni del prossimo Programma Europeo INTERREG che, nella precedente edizione, si era occupato dei collegamenti marittimi con la Croazia.

Inoltre, una primaria società nel settore degli executive jet con sede a Dusseldorf e base a Rimini ha dimostrato interesse per il nostro scalo.

Tutto questo dovrebbe portare nei prossimi anni ad un significativo sviluppo delle attività dell’aeroporto.


Queste sono state le principali novità del convengo promosso dalla CNA Comunale di Ravenna che, oltre ad un numeroso pubblico, ha visto gli interventi di qualificati ospiti.

Nella sua relazione introduttiva, il responsabile della CNA Comunale Mario Petrosino, ha sollecitato le istituzioni e le forze economiche e sociali cittadine a credere nello sviluppo di quest’area paragonandola allo sviluppo del porto che, solo fino a pochi decenni fa, era appannaggio dei soli addetti ai lavori fino a quando tutta la città ha puntato decisa verso la sua espansione.


Petrosino ha ricordato tutte le attività che potrebbero essere ospitate: aviazione generale (turistica privata e di affari), servizi come scuole di volo, officine specializzate, trasporto cargo, dirigibili, airshow, scuola di paracadutismo, protezione civile, taxi aereo.


Infine la CNA auspica la creazione di una vera e propria società di gestione senza la quale non si potrebbe avere accesso alle diverse tipologie di fondi.

Tutti i relatori hanno sottolineato la differenza e la complementarietà tra il nostro aeroporto e gli aeroporti commerciali di Forlì, Rimini e Bologna.

Su questo argomento l’ENAC e altri ospiti hanno ricordato che, senza una società di gestione, è impossibile sviluppare attività che richiedono investimenti e coordinamento.

Molto seguito è stato anche l’intervento del Presidente del Network italiano degli aeroporti minori che ha illustrato come, finalmente anche in Italia, si stia sviluppando una mentalità aperta ai piccoli jet per turismo e affari.


Tra i partecipanti numerosi erano i soci dell’Aeroclub di Ravenna Francesco Baracca che in questi anni, con impegno e passione, hanno fatto sì che l’aeroporto non fosse completamente abbandonato a se stesso. Il presidente, Alfredo Massi, ha ricordato la storia dell’aeroporto rammaricandosi che quarant’anni fa la città non abbia creduto nel suo sviluppo nonostante le potenzialità e le condizioni strutturali fossero migliori di quelle di Forlì. Oggi non si deve ripetere lo stesso errore.


Tutte le Autorità presenti (il Presidente della Provincia, il Sindaco di Ravenna, il Presidente della Camera di Commercio) hanno ringraziato la CNA e l’Aeroclub Francesco Baracca per la pregevole iniziativa ma, soprattutto, hanno assicurato il loro impegno a sostenere tutte le iniziative e le esigenze delle attività che si insedieranno nell’area.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle conclusioni, il direttore della CNA, Natalino Gigante, ha sottolineato che da oggi si può aprire un nuovo capitolo per il progresso della città. “In Italia – ha affermato - si sta sviluppando una rete di aeroporti minori per l’aviazione generale. La Spreta deve inserirsi in questo network altrimenti il rischio è quello di essere, ancora una volta, tagliati fuori da una interessante opportunità di sviluppo in un settore sicuramente di nicchia ma che presenta ottime prospettive in tema di innovazione tecnologica e lavoro qualificato”.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -