RAVENNA - Collezione di uccelli imbalsamati abbandonata davanti alla Forestale

RAVENNA - Collezione di uccelli imbalsamati abbandonata davanti alla Forestale

Ben 25 esemplari di uccelli impagliati, tra cui alcuni appartenenti a specie particolarmente protette, sono stati rinvenuti davanti alla sede del Corpo Forestale dello Stato di Ravenna. La tassidermia, o imbalsamazione, è uno dei tristi scopi che portano i bracconieri ad abbattere esemplari di fauna rara e minacciata di estinzione. E forse proprio i severi controlli e le possibili sanzioni, anche penali, hanno convinto il proprietario a disfarsi dell’ingombrante collezione.


Grazie ai severi controlli e alla normativa assai restrittiva, infatti, detenere esemplari protetti senza le necessarie autorizzazioni, può far scattare sanzioni pesanti anche penali.

Tra gli esemplari imbalsamati anche uno sparviero, una berta minore, una spatola, un mignattaio, una pittima minore, un gufo comune. Molti appartengono a specie particolarmente protette, sia da convenzioni internazionali che dalla legge nazionale.


Alcuni esemplari fanno parte di “liste rosse” che elencano specie animali a più alto rischio di estinzione. In particolare il più raro è certamente il mignattaio che nidifica in Italia con solo 10-15 coppie, di cui circa la metà nelle zone umide di importanza internazionale del ravennate. Altrettanto rara è la spatola, nidificante con un centinaio di coppie in tutta Italia e circa una quarantina nel ravennate. Gli uccelli impagliati, dai primi accertamenti, non sembrano abbattuti di recente, ma probabilmente formavano una collezione di qualche decina di anni fa, privi però delle regolari autorizzazioni e denuncie, e quindi passibili di sanzioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Probabilmente il proprietario ha voluto disfarsi dell’ “ingombrante” collezione perché illecitamente detenuta, ma forse, desideroso che non andasse distrutta, l’ha abbandonata, in forma anonima, in un luogo sicuro. La collezione, dopo le necessarie autorizzazioni della Provincia di Ravenna, verrà probabilmente utilizzata a scopo didattico e divulgativo dalle strutture del Corpo Forestale dello Stato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -