Ravenna, concessione per 90 anni delle spiagge. La Sib: "Non è cementificazione"

Ravenna, concessione per 90 anni delle spiagge. La Sib: "Non è cementificazione"

RAVENNA - Il Presidente Sib Confcommercio Ravenna Graziano Parenti interviene sulle recenti novità che riguardano il comparto degli stabilimenti balneari, introdotte dal provvedimento di ieri dal Consiglio dei Ministri. "Lo schema presentato - dice Parenti - ci trova sostanzialmente d'accordo e ci fa finalmente constatare con piacere che si pone la dovuta attenzione e impegno verso il turismo in generale e quello balneare in particolare".

 

"Tuttavia il provvedimento necessita sicuramente di ulteriori approfondimenti e chiarimenti, alfine di verificare se l'obiettivo, come il Ministro Tremonti ha affermato, consista veramente nella tutela delle imprese balneari".

 

"Siamo però veramente stupiti - sottolinea Parenti - delle reazioni al semplice annuncio del provvedimento, da parte di alcuni esponenti politici, le quali rischiano di creare una pericolosa confusione e una contrapposizione ideologica del tutto errata. Non si è in presenza di alcuna "privatizzazione delle spiagge", in quanto il demanio marittimo rimane un bene pubblico inalienabile ed è sempre possibile la revoca o la decadenza della introdotta nuova concessione demaniale con durata di 90 anni. Non solo, ma le concessioni demaniali marittime attuali attribuiscono già un diritto di superficie che non modifica in nessun modo la necessità di sottostare, qualora richiesto, all'obbligo del rilascio di un permesso per costruire e/o ristrutturare".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Coloro i quali parlano di cementificazione delle spiagge, si informino a quanti vincoli, limiti e garanzie di tutela ambientale, un gestore balneare deve sottostare. E' dunque del tutto errato e fuorviante, oltre che gravemente scorretto, parlare di "appropriazione privata" della spiaggia, "edificazione selvaggia" e "svendita del bene demaniale", in quanto nel provvedimento non vi è nulla di tutto ciò e non si ritrova alcun nuovo e diverso diritto in favore dei gestori delle spiagge, ma solamente una sua diversa durata, relativamente a limitate porzioni del demanio. Nei prossimi giorni SIB Confcommercio Ravenna avvierà una serie di incontri a tutti i livelli per arrivare ad una risposta che si riveli davvero esauriente per le reali esigenze della categoria.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -