Ravenna, Confcommercio: cambia il contratto di lavoro per il Terziario

Ravenna, Confcommercio: cambia il contratto di lavoro per il Terziario

RAVENNA - Pubblico numeroso  quello che ha partecipato al  Convegno, organizzato da Confcommercio provincia di Ravenna, intitolato "Il rinnovo del CCNL del Terziario, Distribuzione e Servizi. Un accordo per la competitività ed il rilancio". A spiegare il nuovo contratto Ilaria Di Croce della Direzione Relazioni Sindacali Diritto del Lavoro di Confcommercio Imprese per l'Italia.

 

Il convegno ha dato l'opportunità ai datori di lavoro del settore di approfondire, in chiave operativa, le modalità applicative dei nuovi strumenti contrattuali. L'accordo di rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Terziario, della Distribuzione e dei Servizi firmato da Confcommercio, Fisascat Cisl e UilTucs Uil lo scorso 26 febbraio, rappresenta infatti un risultato importante che premia gli sforzi di entrambe le parti per ricercare soluzioni utili ad affrontare le esigenze di competitività delle imprese commerciali e dei servizi che stanno scontando ancora oggi gli effetti di una crisi lunga e profonda.

 

Questo accordo conferma la capacità di innovazione dei contratti del terziario e di dare risposte alle specificità del settore e alla valorizzazione della bilateralità. La firma di questo importante contratto nazionale può trasformarsi in una svolta nel sistema delle relazioni sindacali se, nei prossimi mesi, gli impegni assunti da entrambe le parti si concretizzeranno, al centro e in periferia, anche nella prossima contrattazione di II Livello.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altri punti qualificanti di questo accordo sono i seguenti: un intervento che prevede la lotta agli abusi legati all'assenteismo per malattia potenziando tra l'altro le tutele a favore dei lavoratori colpiti da gravi patologie; un'introduzione graduale del monte ore dei permessi individuali legato all'anzianità di servizio; il completo recepimento dei principi dei protocolli sulla riforma del modello contrattuale e del "Collegato Lavoro" in materia di conciliazione, arbitrato e certificazione dei rapporti di lavoro.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -