RAVENNA - Conferma per Righini al vertice di Cofiter

RAVENNA - Conferma per Righini al vertice di Cofiter

RAVENNA - Ottavio Righini, presidente Agenti di Commercio Fnaarc – Confcommercio Ravenna, è stato riconfermato al vertici di Cofiter – Soc., il Confidi regionale del commercio, turismo e servizi, Coop. - che ha sede presso Unioncamere Emilia-Romagna a Bologna.

Alla vice presidenza sono stati eletti Sergio Ferrari, presidente regionale Confesercenti, Augusto Patrignani, presidente Ascom Cesena, Massimo Silingardi di Confesercenti Modena e Marco Zilioli, vice Presidente Ascom Parma.


COFITER, nato nel 1998, è un Confidi di primo e secondo grado che si propone di promuovere il miglioramento e l’ammodernamento delle attività commerciali, turistiche e di servizi delle pmi. dell’Emilia-Romagna.

Quale organismo di secondo grado, è partecipato dalle nove Cooperative di Garanzia del settore della regione. Il sistema associa complessivamente 47.529 imprese e nel 2006 ha conseguito un’operatività pari a 365 milioni di euro.

Come organismo di primo grado, con le filiali di Modena e Reggio Emilia, associa direttamente 11.105 imprese e tra l’attività diretta e le co-garanzie, attraverso i confidi soci, ha garantito 1.324 finanziamenti per complessivi 58 milioni e 990 mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel prossimo futuro- dice il riconfermato presidente Righini- Cofiter ha come principali obiettivi quello di ulteriori aggregazioni di Confidi provinciali e la conseguente iscrizione all’art 107 Tub per diventare così un soggetto vigilato da Banca d’Italia, come ogni intermediario finanziario. Questo- conclude Righini - per meglio rispondere alle necessità delle imprese del terziario, offrendo agli enti erogatori una garanzia più solida, anche in vista dell’entrata in vigore, dal 1° gennaio 2008, degli Accordi di Basilea 2”.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -