Ravenna, contagi Hiv appena sopra la media regionale

Ravenna, contagi Hiv appena sopra la media regionale

Ravenna, contagi Hiv appena sopra la media regionale

RAVENNA - Nel quadriennio 2006-2009, fra i residenti in Emilia - Romagna si sono registrati mediamente 388 nuove infezioni da Hiv all'anno, con un tasso di 9,1/100.000. La Provincia di Ravenna con un tasso di 9,3/100.000 residenti è poco oltre la media regionale. La percentuale di infezioni contratte attraverso la via endovenosa in tossicodipendenti è bassissima (circa il 7% contro oltre il 70% del 1985): oggi si deve dire che l'HIV è una infezione sessualmente trasmessa (in prevalenza eterosessuale).

 

Prevale fra i casi ancora il sesso maschile (72%), anche se il tasso fra maschi e femmine tende ad avvicinarsi nel tempo. L'età si è spostata in avanti: il dato mediano ci parla di 38 anni nei maschi e 35 nelle femmine, tuttavia è bene considerare le diverse fasce per non sottovalutare la trasversalità del rischio infettivo. La fascia di età piu' colpita è quella fra i 30 e i 39 anni (35,6% dei casi) e segue subito dopo quella fra i 40 e i 49 anni (29,3%). I giovani fra i 20 e i 29 anni rappresentano il 15,2%, mentre solo 11 casi (7%) avevano meno di 20 anni. Non trascurabile la quota di over50 ( 19,1%). Gli uomini prevalgono nelle fasce di età più avanzate mentre fra i più giovani il contributo dei due sessi è simile. Nella fascia 20-29 anni c'è stato un incremento nel quadriennio, ma il periodo di osservazione è ancora troppo limitato per trarre conclusioni.

 

Nel 15,4% dei casi, le infezioni da HIV notificate riguardano persone il cui il virus ha già prodotto una grave riduzione delle difese immunitarie; persone già in AIDS, che hanno scoperto tardivamente la propria sieropositività per HIV. La provincia di Ravenna risulta sotto la media regionale per quanto riguarda questa quota di ‘ritardo di diagnosi'.

 

La riduzione della mortalità , legata alla terapia, porta all'aumento della popolazione delle persone sieropositive. La sieropositività è una condizione cronica, che necessita di terapia e assistenza medica continuata nell'arco della vita, ma permette una vita attiva, richiede tutela dei diritti e solidarietà sociale. Le indicazioni che provengono da questi dati, in linea con quanto suggerito anche dall'Istituto Superiore di sanità, sono di continuare il richiamo a rapporti sessuali protetti e ricorrere precocemente al test , per proteggere se stessi e gli altri.

 

Le iniziative dell'Azienda USL di Ravenna in occasione del 1 dicembre

L'iniziativa più rilevante che organizza l'Ausl di Ravenna in occasione del 1° Dicembre 2010, Giornata Mondiale contro l'AIDS, si svolgerà a Ravenna, all'interno del Palazzo dei Congressi di Largo Firenze, dalle ore 9.30 alle ore 12.30. e sarà una conferenza dedicata ai giovani: "HIV/AIDS: un mondo di prevenzione a confronto". L'obiettivo del convegno è di coinvolgere i giovani, informare, ricordare e far riflettere: per comprendere che il sesso va vissuto responsabilmente, per abbattere i pregiudizi e suscitare solidarietà.

 

Al centro del dibattito, la prevenzione dell' AIDS nell'esperienza della Regione Emilia-Romagna: da ciò che ha costruito il servizio pubblico al contributo del volontariato; ma anche la lotta all'AIDS come obiettivo globale, tramite alcuni filmati e in particolare con l'esempio dell' esperienza del Nicaragua, grazie alla possibilità di confronto diretto con ospiti internazionali ed esperti di prevenzione, in un progetto di cooperazione che coinvolge le ong GVC-Italia e Terra Nuova. Saranno ospiti della conferenza il dottor. Miguel Orozco e la Dott.ssa Patricia de Lourdes Romero che in qualità di esperti relazioneranno sugli interventi di prevenzione svolti in un paese fra i più poveri delle Americhe come il Nicaragua. Un'occasione preziosa per capire che di fronte a grandi problemi, il mondo può essere coeso nel cercare adeguate soluzioni.

Durante la conferenza verranno mostrate e messe a confronto le tante modalità e gli strumenti con cui si affronta il tema della prevenzione dell'infezione da HIV: manifesti, cartoline, opuscoli, gadget, ma anche filmati, spot, cortometraggi, prodotti da enti pubblici, associazioni di volontariato o dagli stessi ragazzi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -