Ravenna: crisi, gli enti locali puntano sui consorzi fidi

Ravenna: crisi, gli enti locali puntano sui consorzi fidi

RAVENNA - Su convocazione della Provincia e della Camera di Commercio si sono svolti in Provincia due incontri per definire il rafforzamento dell'impegno di Provincia, Camera di Commercio e Comuni a favore dei Consorzi fidi e delle Cooperative di garanzia quale scelta prioritaria per consentire alle imprese di reggere la crisi economica e di realizzare i propri investimenti per l'innovazione e lo sviluppo.

 

Questa scelta è emersa nel recente Tavolo per l'economia e l'occupazione, condivisa unanimemente da istituzioni pubbliche, organizzazioni imprenditoriali e sindacali.

 

Al primo incontro hanno partecipato il vice presidente della Provincia, Bruno Baldini, il presidente della Camera di Commercio, Gianfranco Bessi, e i rappresentanti di tutti i Comuni. Provincia e Camera di Commercio hanno illustrato le ragioni della proposta unitaria di rafforzare ulteriormente il già cospicuo contributo pubblico a sostegno dell'attività di credito alle imprese (garanzie e contributi agevolati agli investimenti).

 

"E' necessario - ha detto il vicepresidente Baldini - assicurare in un momento di crisi come questo, la liquidità per il nostro sistema di piccole e medie imprese che rappresenta il tessuto fondamentale della nostra economia. L'attività delle cinque coop di garanzia è il tramite fondamentale fra sistema del credito e le imprese. Da qui l'impegno assunto dalla Provincia nel proprio bilancio di previsione di un aumento del 10% del contributo 2009 rispetto all'anno precedente, e la proposta ai Comuni di un impegno analogo quale scelta precisa pur nella consapevolezza delle difficoltà economico-finanziarie che tutti gli enti locali hanno in questa fase a seguito del patto di stabilità e della Finanziaria".

 

Il presidente della Camera di Commercio Gianfranco Bessi ha precisato: "la giunta camerale ha già deliberato un impegno straordinario sul fronte delle coop di garanzia: 700mila euro complessivi in più rispetto all'impegno 2008 di 1milione 138mila euro. A questo impegno s'aggiunge la scelta di ridurre di 200mila euro i contributi versati dalle imprese locali alla Camera di Commercio".

 

Tutti i Comuni intervenuti, pur evidenziando la difficile situazione degli enti locali, hanno aderito alla proposta della Provincia e della Camera di Commercio e si sono impegnati ad adeguare i propri bilanci per consentire l'aumento del 10% delle proprie risorse a favore delle cinque cooperative di garanzia.

 

Dopo tale decisione, si è svolto un incontro tra enti locali e rappresentanti delle cinque coop e consorzi: Unifidi, Cofiter, Confidi Romagna e Ferrara, Agrifidi, Cooperfidi. Strutture che, insieme, rappresentano quasi 20mila imprese, oltre la metà delle imprese ravennati, e che nel 2007 hanno avuto un'operatività di 185 milioni di euro.

 

Il vicepresidente della Provincia e il vicepresidente della Camera di Commercio, Natalino Gigante hanno riportato puntualmente gli impegni presi dagli enti locali ravennati e le motivazioni che hanno portato alla scelta di essere il territorio della regione in cui gli enti pubblici più investono nelle coop di garanzie e nei consorzi fidi.

 

Presidenti e rappresentanti dei consorzi sono intervenuti per illustrare la situazione economica e finanziaria provinciale nell'attuale fase. Per ora il sistema delle imprese ha tenuto ma crescono le difficoltà, le rate non pagate, le restrizioni al credito bancario specie da parte delle banche nazionali e vi sono serie preoccupazioni per il 2009. in questo contesto il ruolo dei consorzi fidi e delle coop di garanzia è sempre più importante. Spesso le banche, per mantenere gli affidamenti alle imprese, chiedono garanzia fra il 30 e il 50%, un ruolo essenziale per evitare che le imprese finanziariamente più fragili escano dal mercato.

 

Da qui il ringraziamento per il segnale preciso e l'impegno che Camera di Commercio, Provincia e Comuni hanno preso, e il pieno riconoscimento che, in tal modo, il territorio della provincia di Ravenna si colloca al primo posto per reagire efficacemente alla crisi e salvaguardare le prospettive di ripresa e di sviluppo.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine dell'incontro, Camera di Commercio, Provincia e consorzi fidi hanno concordato di ritrovarsi a gennaio per mettere a punto le modalità concrete di utilizzo delle risorse messe a disposizione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -