Ravenna, crisi. 'Tavolo' in Provincia: "I dati confermano la serietà della situazione"

Ravenna, crisi. 'Tavolo' in Provincia: "I dati confermano la serietà della situazione"

Ravenna, crisi. 'Tavolo' in Provincia: "I dati confermano la serietà della situazione"

Si è svolto martedì mattina in Provincia il tavolo di coordinamento per l'economia e l'occupazione per fare il punto sulla situazione economica provinciale e verificare lo stato d'attuazione del nuovo patto per la qualità dello sviluppo sottoscritto in luglio. Il presidente della Provincia Francesco Giangrandi e quello della Camera di Commercio, Gianfranco Bessi, hanno illustrato, in apertura, i dati congiunturali e occupazionali nazionali, regionali e provinciali.

 

"I dati del terzo trimestre 2009 e i dati occupazionali di settembre confermano la serietà della crisi. La nostra provincia, rispetto al resto del Paese, presenta un quadro meno grave. In alcuni settori vi sono anche timidi segnali di ripresa. L'uso concertato degli ammortizzatori sociali ha consentito, sinora, di difendere quote importanti di occupazione. Non mancano però preoccupazioni per la tenuta nel prossimo anno."

 

Su questa base,  l'assessore provinciale Germano Savorani ha ricordato le numerose iniziative svolte da Provincia, Comuni, Camera di Commercio d'intesa con le organizzazioni economiche e sociali, da luglio a oggi. In particolare, ha sottolineato "l'impegno straordinario di tutti per fronteggiare le  crisi aziendali, per difendere occupazione e reddito dei lavoratori e per assicurare alle imprese, mediante il rafforzamento delle cooperative di garanzia e dei consorzi fidi, la liquidità necessaria per reggere in questa fase di restrizione del mercato. Gli enti locali stanno lavorando per un nuovo accordo sugli sportelli unici per le imprese per snellire e accelerare le procedure, e stanno predisponendo l'elenco degli investimenti che riusciranno a realizzare tra 2009 e 2011. Infine stiamo definendo un accordo generale con gli istituti di credito che unifichi gli accordi fatti a livello locale  e che dia respiro alle aziende e ai lavoratori investiti dalla crisi."

 

E' poi intervenuto Raffaele Gordini, presidente di Confcooperative, che ha presentato un documento in cui si indicano alcune priorità su cui lavorare per attuare il patto; il segretario provinciale della Cgil, Marcello Santarelli, ha invece richiamato la necessità di integrare l'azione sull'emergenza con la definizione delle linee strategiche per lo sviluppo futuro da definire nella conferenza economica provinciale prevista per l'anno prossimo.

Dopo Tiziano Samorè, vice segretario Confartigianato, Mirco Bagnari, Sindaco di Fusignano, ha presentato un documento in corso di approvazione da parte dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna. Il consigliere regionale Mario Mazzotti ha illustrato le politiche regionali volte a contrastare la crisi: "Dal Ptr agli accordi Dup fino alla scelta della Regione d'investire 25 milioni di euro a favore degli enti locali per le politiche sociali."

 

In chiusura, Giangrandi ha detto: "E' necessario tenere alta la guardia perché gli ammortizzatori sociali non sono garantiti per tutto il 2010. La forte coesione sociale ci ha permesso di reggere un po' meglio di altri alla crisi ma ora dobbiamo concentrarci su alcuni nodi legando il nostro impegno alle richieste sui tavoli regionali e nazionali."

Giangrandi ha già concordato con i parlamentari ravennati di tenere una seduta del tavolo dell'economia sulla Finanziaria 2010 per il 30 novembre in Provincia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -