Ravenna: dall'Esp 2mila euro per "Linea Rosa"

Ravenna: dall'Esp 2mila euro per "Linea Rosa"

RAVENNA - "Il difficile e preoccupante panorama economico ha indotto l'Esp (insieme ad altri quattro Centri Commerciali Igd della Romagna, ) a non abbellirsi di luminarie esterne per festeggiare, come di consueto, il Natale. Tale ricorrenza, quella vera, profonda, spirituale, ancorché gioiosa, socializzante, può essere tale anche senza forzature esteriori, senza ostentazioni di facciata, a favore di una maggior consapevolezza del nostro essere e della nostra forza d'animo, soprattutto in momenti difficili come questi. Una sicurezza interiore sempre più attenta alla solidarietà, che ci ha portato a devolvere parte della cifra risparmiata, 2000 euro, a Linea Rosa, una delle Associazione Onlus più attive e meritorie del nostro territorio".

 

Così, Franca Savoia, Direttore dell'Esp, ha commentato l'inizitiva del centro commerciale che si ispira anche al risparmio energetico e al rigore gestionale.

 

Oggi, nella giornata più significativa dell'attività svolta dall'Associazione Linea rosa, che da anni si batte contro la violenza alle donne prendendosi carico di quelle maggiormente in difficoltà, la presidente Alessandra Bagnara ha ricevuto la donazione di Esp alla presenza dell'assessore alle pari opportunità Giovanna Piaia.

 

L'Associazione Linea Rosa, attiva dal 1991 in difesa delle donne che subiscono violenza, in questi anni di attività ha accolto oltre a 3600 donne di cui 797 di origine straniera. Attualmente l'Associazione gestisce 3 strutture di accoglienza, la Casa Rifugio, la Casa Dafne ed il Melograno, che, dalla loro apertura al 31 giugno scorso, hanno ospitato un totale di 129 donne e 125 figli minori.

 

"Queste donne e questi minori - sottolinea Alessandra Bagnara - sono coloro che, a causa delle violenze, rischiano maggiormente e per le quali si rende necessario spesso un'ospitalità temporanea protetta, a volte anche in città diverse da quella di residenza. Quest'anno, abbiamo registrato un aumento del 20 per cento di donne che si sono rivolte al Centro di Prima Accoglienza di Via Mazzini 57/a. Un dato che, se da un lato testimonia il disagio che molte donne vivono nella loro quotidianità, dall'altro dimostra l'utilità e la validità di un centro antiviolenza come quello di Linea Rosa, ora presente anche nei Comuni di Russi e Cervia".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -