RAVENNA - Dalla notte degli Oscar al teatro ''Alighieri''

RAVENNA - Dalla notte degli Oscar al teatro ''Alighieri''

RAVENNA - Il secondo appuntamento con la Stagione di Danza vedrà sul palcoscenico del Teatro Alighieri, sabato 17 marzo allo ore 20.30 e domenica 18 marzo alle 15.30, una delle più grandi compagnie statunitensi – tanto che è stata chiamata ad esibirsi durante la notte degli Oscar – i Pilobolus Dance Theatre.


La compagnia nata nel 1971 in un corso di danza del Dartmouth College da un gruppo composto da Moses Pendleton, Jonathan Wolken e Alsion Chase ed ora nota in tutto il mondo, celebrerà il trentacinquesimo anniversario della fondazione con un programma che prevede le coreografie più rappresentative della nutrita produzione.

Pilobolus è un fungo amante del sole che può diffondere le proprie spore fino a duecento metri di distanza dal luogo di origine, ma Pilobolus è anche un tipo di danza assai insolita che ha ormai raggiunto il suo trentacinquesimo anno di evoluzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Più di tre decenni di danza costituiscono la prova del ruolo assunto dalla Compagnia negli anni: ovvero, l’essere un gruppo artistico di grande inventiva e longevità che nel tempo ha sviluppato un repertorio di oltre novanta coreografie alcune delle quali sono acquisite nel repertorio di importanti compagnie internazionali. Inventiva, humour ed energia sono frutto di tre direttori artistici, Robby Barnett, Michael Tracy, Jonathan Wolken e di sette ballerini, Andrew Herro, Jeffrey Huang, Jun Kuribayashi, Jenny Mendez, Manelich Minnifee, Edwin Olvera e Annika Sheaff che si assemblano in un organismo unico – i Pilobolus appunto – un’organizzazione autosufficiente i cui membri creano le coreografie, danzano, amministrano e promuovono i loro programmi.

I Pilobolus non hanno mai dimenticato l’impeto originario continuando a presentarsi come l’espressione di un grande sforzo creativo. Il loro vocabolario fisico infatti non proviene dalla lunga e codificata tradizione dei movimenti di danza, ma è inventato, e scaturisce da intensi periodi di improvvisazione e di creatività.

Il programma, che ripercorre in sintesi la lunga storia creativa della compagnia, si apre con AQUATICA, coreografia datata 2005 di Michael Tracy e musica di Marcelo Zarvos; continua con PSEUDOPODIA, un assolo del 1974 sulla coreografia di Jonathan Wolken e le musiche di Moses Pendleton e Jonathan Wolken; SWEET PURGATORY, lavoro del 1991 firmato a quattro mani da Robby Barnett, Alison Chase, Jonathan Wolken e Michael Tracy sulla Sinfonia da camera op. 110 a di Dmitrij Shostakovich; GNOMEN (1997), coreografia di Robby Barnett e Jonathan Wolken su musica di Paul Sullivan; per chiudersi con DAY TWO, un capolavoro del1980, con la regia di Moses Pendleton, la coreografia di Daniel Ezralow, Robert Faust, Jamey Hampton, Carol Parker, Moses Pendleton, Peter Pucci, Cynthia Quinn, Michael Tracy e le musiche di Brian Eno, David Byrne and the Talking Heads.

La stagione dell’Alighieri si concluderà sabato 31 marzo (replica domenica 1 aprile) con Otango, spettacolo di grande successo che raccoglie i più affermati artisti argentini a livello internazionale e, come in un viaggio forte di emozioni conduce lo spettatore nel mondo del tango riproducendo le atmosfere fumose dei bassifondi di Buenos Aires.

Info e prenotazioni: tel. 0544 249244 – www.teatroalighieri.org

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -