Ravenna, darsena: per Dalmonte (Cna) "Un importante passo avanti"

Ravenna, darsena: per Dalmonte (Cna) "Un importante passo avanti"

RAVENNA - "Il protocollo per la riqualificazione della Darsena di Città è sicuramente un passo avanti importante per il futuro" - esordisce il neo presidente della CNA comunale di Ravenna, Andrea Dalmonte.

 

"Come CNA - prosegue Dalmonte - pensiamo di avere dato un contributo significativo attraverso l'organizzazione di un importante e partecipato convegno promosso nella primavera del 2008 proprio sulla riqualificazione di quell'area, dopo anni di silenzio. In quella sede furono presi da parte delle Istituzioni impegni importanti che oggi vediamo concretizzarsi: il protocollo di ieri, la costituzione dell'Agenzia per la Darsena, il decentramento della Dogana, il concorso di idee per unire stazione e darsena, furono annunciati proprio durante il convegno. Determinazione e velocità da parte dei soggetti pubblici sono sicuramente segnali positivi anche per dare un segnale agli investitori privati".

 

"Nei prossimi anni - continua ancora Dal monte - si presenterà quindi una grande sfida per tutta la città, forse la più grande mai affrontata. Come CNA continuiamo a credere che la candidatura di Ravenna a capitale europea della cultura possa collegarsi con la riqualificazione della Darsena.

La candidatura, infatti, potrebbe trovare proprio nella Darsena un luogo importante dove fare confluire risorse; per esempio, per realizzare un grande centro espositivo dedicato alla cultura e al mosaico. Occorre che il nuovo quartiere contenga tutte le funzioni che i settori dell'artigianato e della piccola impresa possono esprimere, così come avvenuto in numerose città europee oggetto di interventi simili. Significa anche ripensare - in accordo con le amministrazioni centrali dello Stato - il ruolo delle attuali caserme e degli uffici statali ancora presenti nell'area. Un altro grande obiettivo è quello di fare percepire la Darsena come la naturale prosecuzione del centro storico verso il mare, come per proiettare idealmente la storia della nostra città nel Mediterraneo. La CNA ritiene, pertanto, che le parole chiave da metter in campo siano - anche in questo caso - innovazione e qualità. Innovazione amministrativa da parte degli enti locali per gestire, in accordo con i privati, tutta l'operazione. Qualità nei progetti architettonici presentati dai privati".

 

"Come CNA - conclude Dalmonte - riteniamo che, per un progetto della valenza di quello illustrato e per la stessa candidatura a città europea della cultura, si debba ricreare quello spirito unitario tra le istituzioni, le forze politiche, le rappresentanze economiche e sociali e, cosa forse più importante, tra tutti i cittadini. Spirito unitario e coeso che può essere anche questa volta la nostra arma vincente. Le recenti polemiche purtroppo non vanno in questa direzione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -