Ravenna, detenuto portato in ospedale aggredisce la scorta

Ravenna, detenuto portato in ospedale aggredisce la scorta

Ravenna, detenuto portato in ospedale aggredisce la scorta

RAVENNA - "Oggi pomeriggio un detenuto di origini rumene, dopo essere stato trasferito dal carcere di Ravenna all'Ospedale, ha aggredito il personale di scorta che lo aveva portato in visita urgente presso l'ospedale dopo che si era procurato delle profonde ferite al capo con una lametta del tipo consentito." A dare comunicazione dell'episodio è Pasquale Giacomo, Segretario Provinciale della Uil Penitenziari di Ravenna,.

 

Che aggiunge altri particolari sull'accaduto: "Appena giunti in Ospedale, il detenuto ha iniziato ad inveire contro la scorta iniziando ad offendere, sputare ed a sferrare calci. L'immediata reazione e la grande professionalità degli Agenti di Polizia Penitenziaria è servita a bloccare il detenuto che tra l'altro era pieno di ferite da taglio con conseguente riversamento di sangue. Nella colluttazione, scaturita per impedire che il detenuto riuscisse a compiere anche il gesto estremo dell'evasione, un ispettore di Polizia Penitenziaria, componente della scorta, ha riportato ferite  giudicabili in otto giorni".

 

"Anche a Ravenna - spiega il Coordinatore Provinciale Pasquale - il sovraffollamento ha originato diversi eventi critici e la carenza d'organico non aiuta a gestire le emergenze. A Ravenna l'istituto potrebbe ospitare non più di 59 detenuti, invece, ve ne sono ristretti quasi 135, A questo quadro di assoluta criticità va aggiunta la grave deficienza organica del personale di Polizia Penitenziaria. Il contingente dovrebbe essere pari a 78 unità, mentre ve ne sono in servizio poco più 50."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -