Ravenna, due giornate per dire basta agli infortuni sul lavoro

Ravenna, due giornate per dire basta agli infortuni sul lavoro

Ravenna, due giornate per dire basta agli infortuni sul lavoro

RAVENNA - E' con il convegno "La sicurezza nei luoghi di lavoro" che viene ricordato il terzo anniversario della scomparsa di Raffaele Rozzi, il giovane chimico ravennate morto a Bilbao nel settembre del 2007 per salvare due colleghi di lavoro. L'iniziativa, il 9 ottobre alle 10 nella sala Corelli del teatro Alighieri, è promossa da Università di Bologna, Fondazione Flaminia e Comune, con la collaborazione di Camera di commercio, Autorità portuale, Tecofil, Sapir e Confindustria.

 

Si tratta degli stessi soggetti che hanno bandito, la scorsa primavera, due concorsi, sempre in memoria di Rozzi, finalizzati a riconoscere l'impegno delle scuole superiori nella sensibilizzazione degli studenti in relazione alle tematiche del lavoro sicuro e a premiare l'eccellenza delle tesi di laurea universitarie negli ambiti delle scienze chimiche e giuridiche. In occasione del convegno, che sarà presieduto dal direttore della Fondazione Flaminia Antonio Penso, saranno illustrati gli elaborati e le tesi vincitori e consegnati i premi.

 

I lavori saranno aperti dal sindaco, Fabrizio Matteucci; seguiranno gli interventi di Andrea Lassandari, docente di diritto del lavoro alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bologna, su "La nuova legislazione in tema di sicurezza sul lavoro", e di Ferruccio Trifirò, docente di chimica industriale alla facoltà di Chimica industriale dell'Università di Bologna, su "Il pericolo chimico secondo la nuova normativa europea".

 

Il giorno successivo, domenica 10 ottobre, nel quale ricorre la Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, la città ricorderà i propri morti con una serie di iniziative pubbliche organizzate dal Comune in collaborazione con l'Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro. Il sindaco Matteucci aveva manifestato l'intenzione di promuovere questo appuntamento in occasione della commemorazione del 23° anniversario della tragedia della Mecnavi. Un dramma che è ancora vivo nella memoria della comunità, così come quello dell'incidente dell'elicottero dell'Agip. Il sindaco Fabrizio Matteucci, grazie alla collaborazione dell'Inail, ha ricostruito, prendendo a simbolico riferimento gli anni dal 2000 al 2010, l'elenco nominale completo dei caduti sul lavoro nel territorio del comune di Ravenna e dei residenti nel comune di Ravenna deceduti per il medesimo motivo altrove. Si tratta di 104 persone; i loro nomi e le cause delle loro morti saranno ricordati nel video "La memoria delle morti invisibili", curato da Fabrizio Varesco, che sarà proiettato appunto il 10 ottobre alle 11 in municipio.

 

La cerimonia civile, con l'intervento del sindaco Fabrizio Matteucci, sarà preceduta da un corteo, con partenza alle 9.15 da viale Pallavicini 26 e la deposizione di una corona al monumento dei Caduti sul lavoro, e dalla celebrazione della messa, alle 10 nella chiesa di San Giovanni Evengelista.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -