Ravenna, due nuove alleanze per la cultura

Ravenna, due nuove alleanze per la cultura

Da una parte valorizzare il patrimonio storico artistico della Romagna e le sue principali manifestazioni culturali, favorire la frequentazione dei suoi luoghi e promuovere una forma innovativa di turismo culturale; dall'altra attivare, con Firenze e Verona, percorsi congiunti di valorizzazione culturale della figura di Dante.

 

Ecco i due principali obiettivi che il Comune intende realizzare con l'attuazione di altrettanti protocolli d'intesa, approvati oggi pomeriggio dalla giunta su proposta di Alberto Cassani, assessore alla Cultura. "Sono segnali importanti - commenta Cassani - della capacità di relazione e della volontà di mettere in rete patrimoni artistici e culturali di valore inestimabile, costruendo su di essi progetti che li rendano ancor più interessanti e attrattivi".

 

Il primo documento sarà firmato, oltre che dal sindaco di Ravenna, dai colleghi di Cesena, Forlì e Rimini ed è frutto dell'incontro tenuto dai sindaci e dagli assessori alla cultura delle quattro città, con l'assessore regionale alla cultura, sul "Sistema culturale integrato della Romagna". Prevede l'istituzione di un coordinamento dei sindaci e degli assessori alla cultura con lo scopo di promuovere il territorio romagnolo nella sua molteplicità di eventi, identità e offerte culturali. Si lavorerà partendo dai circuiti culturali già esistenti o da creare ex novo, per dare vita a sinergie ed economie di scala utili a dare rilievo e attrattività a programmi condivisi attraverso strumenti comuni di comunicazione. La proposta culturale integrata che ne nascerà sarà identificata da un marchio comune, che connoterà la Romagna come grande luogo della cultura. La partecipazione dei soggetti sottoscrittori al comitato di sostegno di "Ravenna e la Romagna capitale europea della cultura 2019" potrà essere un'esperienza utile cui rifarsi per la possibilità che offre di dare vita ad una progettualità condivisa. Prevista la collaborazione delle tre Province di riferimento e dell'assessorato regionale alla cultura.

 

Il secondo protocollo sancisce l'alleanza di Firenze, Ravenna e Verona, che annoverano nel rispettivo patrimonio storico e culturale la presenza e il lascito identitario di Dante Alighieri, che vi soggiornò nelle diverse fasi della sua vita. Le tre città programmeranno e attueranno insieme iniziative ed eventi volti a valorizzare, divulgare e promuovere la figura e l'opera di Dante, oltre che i luoghi resi significativi dalla sua presenza. Tutto ciò anche nella prospettiva del 700° anniversario della morte di Dante che ricorrerà nel 2021. Il primo progetto messo in campo sarà la realizzazione, entro il 2011, di un itinerario turistico, un percorso culturale e storico sui territori delle tre città, in grado di guidare il visitatore attraverso i luoghi cari a Dante e di evidenziare i molteplici significati della presenza del poeta nei diversi contesti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -