Ravenna, è pronta la bozza di contratto agricolo: 8.000 lavoratori in provincia

Ravenna, è pronta la bozza di contratto agricolo: 8.000 lavoratori in provincia

Ravenna, è pronta la bozza di contratto agricolo: 8.000 lavoratori in provincia

RAVENNA - Nella giornata del 4 agosto è stata sottoscritta a Roma, nella sede di Fedagri - Confcooperative, l'ipotesi di accordo relativa al rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per i lavoratori delle cooperative e consorzi agricoli. La trattativa ha visto la partecipazione delle delegazioni sindacali della provincia di Ravenna, il contratto della cooperazione agricola, infatti, è per il settore dell'agroindustria provinciale quello che coinvolge il maggior numero di lavoratori.

 

Circa 8000 lavoratori, in gran parte stagionali in una settantina di cooperative operanti nei settori dell'agricoltura in senso stretto, ma anche nell'ortofrutta, nel vitivinicolo, nella macellazione e nella sperimentazione quali ad esempio agrintesa, granfrutta zani, terremerse,apofruit, cepal, magema, clai, caviro, cevico, colli romagnoli, astra. "Dopo una lunga e difficile trattativa si è arrivati ad un risultato importante, traguardando la stragrande maggioranza dei punti previsti in piattaforma con un'intesa che le segreterie nazionali e la delegazione trattante giudicano positivamente", dicono FLAI - CGIL FAI - CISL UILA - UIL RAVENNA

 

Si tratta di un'ipotesi di accordo che presenta molti elementi di novità per il settore. Anzitutto, coerentemente con quanto richiesto in piattaforma, si prevede la durata triennale del contratto sia per la parte economica che per quella normativa. Pertanto il contratto ha decorrenza 1 gennaio 2010 - 31 dicembre 2012. In merito alla contrattazione di II livello, si è introdotta la possibilità di poter concordare percorsi di stabilizzazione del personale a livello decentrato. In secondo luogo, così come richiesto in piattaforma, si è concordato di prevedere un elemento economico sostitutivo in caso di mancata contrattazione di II livello.

 

Si tratta di una novità di rilievo che ha lo scopo di incentivare la contrattazione di II livello ove essa non avvenga ancora. Tale elemento sostitutivo è stato individuato in 12 euro mensili, calcolati sul 5° livello e riparametrati, e la sua corresponsione avverrà nel caso in cui, dietro presentazione di una piattaforma da parte delle organizzazioni sindacali, entro 12 mesi non dovesse essere sottoscritto l'accordo.

 

E'stato definito un nuovo articolo relativo agli appalti. Il precedente CCNL prevedeva un testo in coda all'articolo 4. Esso è stato rafforzato con l'introduzione di vincoli sul rispetto delle leggi e dei contratti da applicare ai lavoratori delle aziende appaltatrici. Un nuovo articolo è stato concordato anche per i trasferimenti, superando la carenza normativa del vecchio articolato.

 

L'ipotesi di accordo prevede, inoltre, il superamento della norma transitoria presente nell'articolo relativo alla classificazione laddove essa sia stata già prevista nella contrattazione di II livello.

Un impegno tra le parti traguarderà entro un anno una verifica dell'accordo di settore che riguarda la rappresentanza sindacale (RSU/RSA) nei luoghi di lavoro.

 

L'incremento salariale previsto al 5° livello è pari a 75 euro. L'erogazione avverrà in tre tranches con le seguenti modalità: dal 1 luglio 2010 20,58 euro, dal 1 gennaio 2011 27,21 euro, dal 1 luglio 2012 27,21 euro.

 

Importante novità per questo contratto è la copertura di vacanza contrattuale con una una tantum di 140 euro riparametrati, erogata con la retribuzione di luglio 2010 a tutti i lavoratori in servizio al momento della firma del CCNL. Per gli operai a tempo determinato sarà corrisposta in base alle ore lavorate. A latere della firma, le Segreterie nazionali di Fai, Flai e Uila e Fedagri-Confcooperative, Legacoop e AGCI Agrital hanno assunto un impegno, con uno scambio di lettere, ad aprire nel mese di settembre un tavolo di confronto sulla corretta applicazione della sfera contrattuale.

Partiranno sin da ora le assemblee dei lavoratori per la consultazione sull'ipotesi di accordo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -