Ravenna, elezioni. Spadoni (Udc): "Giusti incentivi a imprese, ma non si trascuri la formazione"

Ravenna, elezioni. Spadoni (Udc): "Giusti incentivi a imprese, ma non si trascuri la formazione"

Gli enti locali hanno adottato pochissimi provvedimenti per aggredire la crisi a e favorire il lavoro, con il fine, inoltre, di incentivare le azienda ad assumere personale disoccupato. Allo stato attuale, peraltro, i dati Istat lasciano intravedere una lievissima ripresa con incrementi quasi impercettibili, ma in ogni modo concreti, nell'offerta di posti di lavoro da parte di alcuni settori economici dell' industria e del privato, anche se non si può nascondere come il tasso percentuale delle persone in cerca di occupazione è molto elevato.

 

Oltre agli interventi di promozione economica, fra i vari strumenti messi in campo e sui quali agire, non va trascurato quello di creare una più forte connessione tra la formazione e l'insieme degli strumenti di politica del lavoro, per facilitare l'inserimento lavorativo soprattutto dei giovani, ma anche di chi già inseriti nell'attività lavorativa sono rimasti disoccupati. In questa direzione, occorre potenziare il sistema integrato scolastico e formativo attraverso un più sinergico rapporto con il territorio ed il lavoro.

 

E' sbagliato e riduttivo elaborare progetti di sviluppo delle università e della formazione senza misurarli e tararli sulle esigenze locali, e senza, peraltro, tenere conto di tutti i fattori legati al nostro territorio sui quali insistono. In altre parole va migliorata la modalità di raccordo al fine di perseguire obiettivi di razionalizzazione e di qualificazione dell'offerta formativa oltre a fornire risposte più adeguate sul versante dell'inserimento occupazionale, sulla base delle effettive esigenze di questo territorio. L'integrazione fra i sistemi scolastici, professionali, universitari, formativi e del mondo del lavoro, deve favorire la realizzazione di competenze trasversali sulla base dei profili richiesti e seguiti da una valutazione attenta riguardo alla coerenza occupazionale.

 

L'obiettivo, dunque, deve essere quello di adeguare la programmazione professionale e di ricondurre l'attività formativa alla sua finalità primaria, cioè quella dell'inserimento nel lavoro.

 

Gianfranco Spadoni

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

candidato Udc alla presidenza della Provincia

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -