Ravenna, esibisce patente rubata in bianco a Campobasso. Arrestato

Ravenna, esibisce patente rubata in bianco a Campobasso. Arrestato

Ravenna, esibisce patente rubata in bianco a Campobasso. Arrestato

RAVENNA - Un cittadino tunisino, T.Z. di 29 anni, non in regola con le norme sul soggiorno, è stato arrestato domenica sera dagli agenti della Volante della Questura di Ravenna con l'accusa di false dichiarazioni a pubblico ufficiale, ricettazione e uso di atto falso. Tutto ha avuto inizio quando la pantera ha intercettato in via Romea, una Fiat Punto con due persone a bordo che procedeva a fari spenti e che, alla vista dell'auto della Polizia, ha improvvisamente accelerato.

 

Dopo un breve inseguimento verso il centro cittadino, l'auto è stata bloccata. Alla guida si trovava un italiano, mentre al suo fianco un passeggero di nazionalità straniera. Quest'ultimo, al momento del controllo, ha riferito di chiamarsi G.M. e di essere un cittadino tunisino di anni 24, esibendo a comprova di ciò una carta di identità rilasciata dal Comune di Roma e una patente di guida rilasciata dalla Motorizzazione Civile.

 

Subito sono emersi dubbi sulla veridicità di entrambi i documenti. Per questo motivo gli agenti hanno deciso di accompagnare lo straniero in Questura, al fine di procedere alla sua esatta identificazione e ad una compiuta verifica sui documenti da lui esibiti. Al termine degli accertamenti è emerso che la patente di guida faceva parte di uno "stock"  di 37500 documenti rubati in bianco lo scorso settembre alla Motorizzazione Civile di Campobasso, mentre la carta di identità, risultata contraffatta in alcune parti , era stata utilizzata  illecitamente alla fine dello scorso anno  per tentare l'apertura di un conto corrente bancario presso un istituto di credito di Vicenza.

 

All'evidenza delle falsità emerse e dei rilievi dattiloscopici eseguiti sono emerse le vere generalità dello straniero che risultava già gravato da vari precedenti di polizia per i reati contro il patrimonio e violazione della normativa in materia di immigrazione nonché già colpito da due decreti di espulsione adottati in altre città italiane. Lo straniero è stato, pertanto, tratto in arresto per i reati di false attestazioni a Pubblico Ufficiale, ricettazione ed uso di atto falso.

I documenti esibiti nella circostanza sono stati sequestrati e lo straniero, trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura, sarà processato lunedì.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -