Ravenna: estorsione all'ex compagno di prigione, a processo

Ravenna: estorsione all'ex compagno di prigione, a processo

Ravenna: estorsione all'ex compagno di prigione, a processo

RAVENNA - Un'altra tegola giudiziaria per Gerardo Sabella, noto alle forze dell'ordine per una serie di accuse di reati contro il patrimonio. Giovedì in tribunale a Ravenna, Sabella è comparso davanti al giudice Corrado Schiaretti per i reati di estorsione e lesioni: secondo le accuse, in particolare, Sabella sarebbe intervenuto a difesa del fratello, dopo che aveva subito la classica truffa alla napoletana, vale a dire l'acquisto di un falso apparecchio elettronico.

 

Quando aprì il pacco, Antonio Sabella, la vittima della truffa, scoprì che non c'era niente e si rivolse al fratello, che conosceva, in quanto era stato suo compagno di prigione, la persona, un quarantenne, che aveva messo in contatto i due autori napoletani della truffa e il fratello Antonio. Da parte sua, Sabella aggredì appunto l'ex compagno, minacciandolo e intimandogli di trovare i due truffatori e pretendere la restituzione del denaro.

 

Non trovando, però, gli autori del raggiro, la vittima andò dalle forze dell'ordine per denunciare l'aggressione e il tentativo di estorsione, sperando di difendersi così dall'ira del conoscente. Non è servita una successiva ritrattazione ad impedire l'avvio delle indagini della magistratura, indagine che ha riportato in tribunale ancora una volta Gerardo Sabella. A ottobre si terrà il processo per questo episodio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -