Ravenna, Europa e Adriatico: un incontro di cooperazione internazionale

Ravenna, Europa e Adriatico: un incontro di cooperazione internazionale

Ravenna, Europa e Adriatico: un incontro di cooperazione internazionale

RAVENNA - Si aprono mercoledì mattina alle 10 nella sede universitaria di via degli Ariani, i lavori del progetto Musa promosso dal Dipartimento di Conservazione dei beni culturali dell'Università di Ravenna in collaborazione con i Ministeri degli affari esteri e dello sviluppo economico, le Regioni Puglia, Marche, Sicilia e Calabria e da Comune, Provincia e Fondazione Flaminia. L'incontro sarà aperto dalla relazione introduttiva del professor Salvatore Lorusso.

 

Interverrà poi il vicesindaco Giannatonio Mingozzi sul tema " Le politiche di investimento nella cooperazione internazionale euro adriatica: le competenze museali e le relazionie conomiche con il porto di Ravenna"; gli interventi proseguiranno con il direttore del Mar Claudio Spadoni, la Soprintendente Antonella Ranaldi, i direttori degli istituti di conservazione di Belgrado, dell'ateneo di Palermo, della Calabria, e infine con gli amministratori di Puglia Sicilia e Marche.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ringraziando tutti i partner presenti in questi giorni a Ravenna, Mingozzi ribadirà che "Il ruolo dell'Università,  capace di tradurre le attività culturali e di ricerca in opportunità economiche, trova nella nostra città un sistema di imprese portuali in grado di dialogare con l'altra sponda dell'Adriatico per l'interscambio di prodotti e per interessi turistici. Ravenna quindi è la sede naturale da cui volgere lo sguardo a quanto sta accadendo anche in tutto il Mediterraneo, per evitare che le principali regioni italiane debbano rinunciare a relazioni imprenditoriali fino a doggi solide e in crescita".      

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -