Ravenna: falsi badanti per il permesso di soggiorno, la Polizia scopre la truffa

Ravenna: falsi badanti per il permesso di soggiorno, la Polizia scopre la truffa

Ravenna: falsi badanti per il permesso di soggiorno, la Polizia scopre la truffa

RAVENNA - Avevano tentato di sfuggire alle leggi che regolarizzano il permesso di soggiorno in Italia con false attestazioni. Gli uomini della Digos e dell'ufficio immigrazione della Questura di Ravenna hanno arrestato due tunisini di 32 e 35 anni: sul primo pendeva un ordine di carcerazione per una condanna di otto mesi di reclusione per reati in materia d'immigrazione, mentre il secondo è risultato inottemperante ad un decreto di espulsione firmato nel dicembre del 2005.

 

Le indagini hanno consentito di appurare che un tunisino di 44 anni, regolarmente residente a Ravenna, aveva inoltrato le richieste di regolarizzazione come badanti e collaboratori domestici per tre connazionali, tra cui i due arrestati.

 

Tuttavia non esisteva alcun rapporto di lavoro. Gli inquirenti hanno così denunciato i quattro per false dichiarazioni e attestazioni. Il 35enne, insieme ad un connazionale di 31 anni, per la prima volta colpito dal decreto di espulsione, è stato accompagnato venerdìalla frontiera area di Roma Fiumicino per il rimpatrio. Il 32enne, invece, si trova in carcere.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -