Ravenna, feste di partito. Servimpresa ironica con Ascom: "Tutta colpa della Lega?"

Ravenna, feste di partito. Servimpresa ironica con Ascom: "Tutta colpa della Lega?"

RAVENNA - "Ora, finalmente, abbiamo capito perché, l'Ascom, è rimasta in religioso silenzio per mesi, mentre a Marina di Ravenna c'era una difficilissima situazione e gli imprenditori, anche loro iscritti, instauravano un braccio di ferro con il Sindaco per vedere riconosciuti i loro diritti".L'Ascom pensava; tanto pensava che, alla fine, ha preso una vera posizione ed ha trovato la soluzione ai problemi del litorale: aboliamo la festa della Lega Nord. Stupendo".

 

Esordisce così Luca Silvestrone, Direttore Generale di Servimpresa Ravenna, dopo aver letto il comunicato dell'Ascom sulle feste nei Lidi. "Questi leghisti che "sfruttano" i volontari per offrire cibo di dubbia qualità a prezzi che hanno messo in ginocchio l'economia di Marina di Ravenna. E noi che ci siamo battuti per togliere l'alcol dalle strade, togliere lo spaccio dalla spiaggia, rivitalizzare Marina in maniera sana, riportare i turisti buoni al mare, siamo dei cretini. Certo: bastava abolire la festa della Lega Nord. Ecco perché gli alberghi in queste settimane erano vuoti, i ristoratori si lamentavano e i gestori degli stabilimenti balneari protestavano per le assenze. Stavano tutti aspettando la festa della Lega. Ora siamo tutti più sereni e sollevati".

 

"Naturalmente, però, solo la festa della Lega, perché quella del mare va bene, le feste dell'unità hanno professionisti pagati profumatamente che si occupano dell'organizzazione e della cucina, ovviamente - continua ancora con ironia Luca Silvestrone - Gli stabilimenti balneari che fanno feste con una capienza dieci volte superiore al consentito vanno bene, quelli che hanno licenze diverse per fare musica creando concorrenza sleale sono consentiti, quelli che hanno l'autorizzazione a versare da bere nei bicchieri di vetro non fanno concorrenza sleale. Noo. La lega Nord, invece, che sfrutta questi poveri "duri e puri", si arricchisce abbattendo l'economia di un intero litorale. Ovviamente l'Ascom non risponde a logiche politiche. Forse conviene che ci fermiamo un attimo a ragionare sul serio sui problemi, senza chiederci cosa è politicamente corretto, ascoltando gli imprenditori e usando la politica, anziché farsi usare"

 

"Fare polemiche su questi argomenti non fa onore a chi dovrebbe rappresentare una categoria che in questo momento soffre e arranca. Come direbbe Totò: ma mi faccia il piacere"!!!!!

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -