Ravenna Festival, "Canzoni nel Cinema" con Gino Paoli

Ravenna Festival, "Canzoni nel Cinema" con Gino Paoli

Ravenna Festival, "Canzoni nel Cinema" con Gino Paoli

RAVENNA - Venerdì 26 giugno al Palazzo Mauro De Andrè (ore 21), Ravenna Festival torna su uno dei suoi filoni tematici che più ama: l'incontro tra musica e settima arte, e lo fa con due grandi protagonisti del jazz e dalla canzone d'autore: Danilo Rea e Gino Paoli. "Canzoni nel Cinema"  è un progetto che nasce sull'onda del successo di "Milestones. Un incontro in jazz", album che coniugava alla perfezione la vena improvvisativa del pianista vicentino al cuore jazz delle canzoni di Paoli.


Nasce così un viaggio, anche un po' nostalgico, alla riscoperta delle grandi canzoni legate al cinema di ieri e di oggi, una quindicina di spezzoni di alcuni tra i film più conosciuti della storia del cinema sui quali Rea e il suo ensemble - Marco Tamburini, tromba, Marcello Siringano, violino, Franco Testa,  basso, Ellade Bandini, batteria - improvvisano, senza mai perdere di vista la struttura della colonna sonora originale, mentre Gino Paoli dà voce alle immagini insieme a Diana Torto

Il concerto  è reso possibile grazie al contributo di Contship Italia Group e Sapir, Porto Intermodale Ravenna.

«Alcune delle tracce - spiega Rea - come "Moon River", tratto dal soundtrack di "Colazione da Tiffany", sono ormai abitualmente suonate come degli standard jazz, altre non lo sono affatto, come il Morricone di "Mission" o il tema di "Schindler's List" o ancora il lavoro di Nino Rota per "La strada". Insomma, non sono tutti standard, e quello che facciamo ricalca un po' ciò che facevano i jazzisti americani con i grandi film del passato, sui quali improvvisavano moltissimo. L'operazione "Canzoni nel Cinema" è interessante proprio perché praticamente si cerca, con un po' di azzardo, di riuscire a improvvisare su qualsiasi tipo di melodia e di pezzo». I film selezionati da Rea attraversano ere e generi, affiancando anche un immortale "As Time Goes By" - da "Casablanca" - ad un inatteso "Some Day My Prince Will Come", tratto dalla colonna sonora del disneyano "Biancaneve e i Sette Nani", e se le grandi pellicole americane del passato la fanno un po' da padrone - ecco, ad esempio, "To kill a Mockbird", da "Il buio oltre la siepe", del 1962, "Love is a Many-Splendored Thing", celeberrimo tema del '55 da "L'amore è una cosa meravigliosa", oppure "The Way We Were", che Sidney Pollack volle per il suo "Come eravamo" - non mancano altri capolavori italiani, come i brani scritti da Ennio Morricone per "Prima della rivoluzione", di Bernardo Bertolucci, e "C'era una volta il West". 

Lo stesso Gino Paoli fa parte della scaletta con "Senza fine", canzone presente nella colonna sonora di "Il volo della fenice", film del 1965 di Robert Aldrich, ma sua è anche la scelta di "Un giorno dopo l'altro" di Luigi Tenco, da "Le inchieste del Commissario Maigret", voluta per omaggiare l'amico mai dimenticato. «Luigi era una specie di fratello più giovane - ricorda Paoli - guardava a me come un punto di riferimento. Quando si è ammazzato ho pensato che l'atto, inconsciamente o consciamente, fosse stato anche imitativo, per il mio tentato suicidio di tre anni prima. Quando mi successe, lui è rimasto ore fuori dalla porta per sapere se morivo o vivevo, rimase molto scioccato, e quindi ho pensato che in quel gesto ci potesse essere un elemento di imitazione, solo che io mi sono svegliato e ho preso gli applausi, lui no». Toccante e dovuto, poi, "Stardust", l'omaggio che Rea e il cantante genovese d'adozione (Paoli è nato a Monfalcone, in Friuli) hanno dedicato ad Anna Magnani, della quale nel 2008 si celebrava il centenario della nascita. 

Info e prenotazioni: 0544 249244 - www.ravennafestival.org <https://www.ravennafestival.org
Biglietti da 15 a 32 euro.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -