Ravenna: fiamme alla discarica di Hera, tour de force dei Vigili del Fuoco

Ravenna: fiamme alla discarica di Hera, tour de force dei Vigili del Fuoco

Ravenna: fiamme alla discarica di Hera, tour de force dei Vigili del Fuoco

RAVENNA - Vigili del Fuoco in azione nella discarica Hera di via Romea Nord a Ravenna. L'allarme al centralino del ‘115' è stato dato alle 3.50 di mercoledì dal personale in servizio notturno che avevano notato lo sviluppo delle fiamme nell'area di stoccaccio dei rifiuti solidi urbani. Sul posto sono intervenute tre squadre del comando di viale Randi che hanno lavorato per tutta la giornata. Presenti anche i tecnici dell'Arpa per monitorare la qualità dell'aria.

 

>FIAMME ALLA DISCARICA DI HERA, IL SERVIZIO FOTOGRAFICO

 

L'incendio si è sviluppato all'interno della fossa di accumulo dei rifiuti senza rendersi visibile fino alle 3,30 nel momento in cui il personale, impegnato nei giri di controllo periodici degli impianti ha notato il fumo uscire dalla fossa stessa  La tempestività di intervento del personale e delle squadre di reperibilità interne, formate per la gestione delle situazioni di emergenza, e l'immediato arrivo dei vigili del fuoco hanno permesso di controllare la situazione impedendo il propagarsi dell'incendio nei vari settori della fossa, evitando possibili conseguenze ambientali.

 

Hera ha comunicato che "le cause scatenanti sono da imputare probabilmente alla presenza di braci conferite in un cassonetto e da questo giunte all'impianto tramite i mezzi di raccolta dei rifiuti durante il turno del pomeriggio. Dai primi controlli effettuati sono stati rilevati principalmente danni ad apparecchiature e quadri elettrici causati dal calore sviluppato dalla combustione e non dalle fiamme. L'emergenza è completamente rientrata alle 10,30 circa". La "situazione sotto controllo" e non è visibile nessun danno strutturale all'impianto di produzione di combustibile da rifiuto.

 

Per precauzione i rifiuti presenti all'interno della fossa continueranno ad essere movimentati e irrorati per  impedire che eventuali focolai residui possano sviluppare nuovi incendi. Dopo una ulteriore verifica dei danni, l'impianto potrà riprendere a funzionare entro i prossimi giorni.  Hera "ringrazia per la collaborazione tutti gli enti, le strutture e le Forze dell'ordine intervenute sul posto, Vigili del Fuoco, Arpa, Ausl, Carabinieri, Polizia di Stato".


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -