Ravenna: fino a domenica il meglio delle città d'arte italiane

Ravenna: fino a domenica il meglio delle città d'arte italiane

Ravenna: fino a domenica il meglio delle città d'arte italiane

E' ufficialmente partita la Borsa del Turismo delle 100 Città d'Arte d'Italia, che fino a domenica 30 maggio porterà per il terzo anno consecutivo nel centro storico di Ravenna le emozioni dell'arte e della cultura italiana. Nella cornice di Piazza del Popolo, sede della zona espositiva, alle 12 di venerdì si è tenuta la cerimonia del taglio del nastro, affidata alla madrina d'eccezione della manifestazione, Cristina Mazzavillani Muti, assieme a Fabrizio Matteucci, sindaco di Ravenna, e alla presenza delle autorità locali.

 

> GALLERIA FOTOGRAFICA

 

A rappresentare il sostegno del Comune di Ravenna anche Andrea Corsini, assessore al Turismo, e Alberto Cassani, assessore alla Cultura. Presente anche la Provincia di Ravenna con l'assessore al Turismo Libero Asioli, il prefetto di Ravenna Riccardo Compagnucci e il questore Giuseppe Racca, Gianfranco Bessi (presidente della Camera di Commercio di Ravenna), Tullio Galli (segretario nazionale Confesercenti), Roberto Manzoni (presidente Confesercenti Ravenna), Filippo Donati (presidente Asshotel), Graziano Prantoni (presidente Unione di Prodotto Città d'Arte) e Stefano Rossetti, (direttore regionale EmiliaEst-Romagna UniCredit Banca, main sponsor della manifestazione).

 

Giunta alla 14esima edizione, Arts and Events presenta un ricco programma di iniziative, tutte mirate a promuovere il patrimonio culturale italiano, attraverso degustazioni, riproposizioni di antichi mestieri e folklore. La Borsa del Turismo offre anche alle istituzioni e operatori del settore l'occasione per confrontarsi sulla situazione turistica italiana: in questo senso si inseriscono una serie di appuntamenti, tra cui il 10° Forum Europeo Unesco, con i rappresentanti dei Siti Unesco, tra cui lospite d'eccezione il sindaco di Dubrovink Andro Vlahušic.

 

La manifestazione ha un importante risvolto economico con il workshop internazionale, uno dei più accredititati del settore e l'unico italiano rivolto alle piccole città d'arte, che si tiene oggi (sabato 29 maggio), presso il Palazzo Congressi di Largo Firenze. Massiccia l'affluenza dell'offerta italiana, con la presenza di oltre 500 operatori che incontreranno i 100 tour operator stranieri invitati.

 

Il weekend è animato da una serie di eventi per il pubblico, con degustazioni di prodotti tipici, laboratori artigianali e appuntamenti artistici, concentrati nella zona espositiva di Piazza del Popolo, dove trovano spazio gli stand di alcune delle più belle città italiane.

 

"Siamo felici di ospitare ancora una volta la Borsa del Turismo delle 100 Città d'Arte d'Italia - ha dichiarato Matteucci -, una manifestazione che accende l'attenzione su Ravenna e tutto il patrimonio artistico e culturale italiano". Inaugurata la 14° edizione, Matteucci si proietta già al futuro, confermando che "anche nel 2011 Ravenna ospiterà Arts and Events" e proponendo alla città un traguardo ambizioso: "Se nel 2009 abbiamo raggiunto 3 milioni di presenze, puntiamo a toccare quota 3 milioni e mezzo entro il 2015".

 

Un ottimismo condiviso anche da Roberto Manzoni, presidente Confesercenti Ravenna, che nel ringraziare tutti gli operatori che hanno reso possibile la manifestazione, ha rilanciato il ruolo del turismo "come leva per la ripresa dell'intera economia italiana".

 

Un turismo che punta con forza sui sapori e le tradizioni, le unicità che rendono irripetibile il ‘prodotto' italiano. Le autorità locali e gli ospiti dell'inaugurazione hanno visitato gli stand della zona espositiva, tra enogastronomia e artigianato. Non poteva mancare un intenso momento musicale, con l'esibizione di un quartetto dell'Istituto Superiore Verdi di Ravenna, molto apprezzata da Cristina Mazzavillani Muti. Incantata dal patrimonio artistico e culturale offerto dalla Borsa del Turismo, la madrina dell'edizione 2010 ha trasmesso tutto il suo entusiasmo: "Sono nata a Ravenna e ho sempre sentito una sorta di ‘vocazione' per la mia città - ha spiegato -, sono felice di essere qui". Un momento di festa per la Mazzavillani Muti, che si è dichiarata "orgogliosa e onorata di essere la madrina di un evento che raduna insieme tutte le città d'arte d'Italia nel centro di Ravenna".


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -