Ravenna: firmato un accordo per gli interventi di sostegno ai redditi delle famiglie

Ravenna: firmato un accordo per gli interventi di sostegno ai redditi delle famiglie

Il Presidente della Provincia di Ravenna, Francesco Giangrandi

RAVENNA - In attuazione del patto sulla qualità dello sviluppo , dopo un intenso e unitario lavoro, i componenti il Tavolo provinciale dell'economia e dell'occupazione e principali istituti di credito della provincia hanno sottoscritto lunedì un accordo che estende e unifica a livello provinciale gli accordi, precedentemente definiti in singoli territori, per affrontare la crisi  economica, assicurando adeguati interventi di sostegno ai lavoratori e alle imprese".

 

Questo il contenuto del commento fatto dal presidente della Provincia di Ravenna, Francesco Giangrandi, dal sindaco, Fabrizio Matteucci e dal vicepresidente della Camera di Commercio Natalino Gigante. Gli istituti di credito si impegnano a rendere disponibili risorse per il sostegno al credito dei lavoratori collocati in cassa integrazione o interessati da altri ammortizzatori sociali, precari, parasubordinati ed interinali o che abbiamo perso il lavoro.

 

In particolare, le misure più importanti riguardano l'anticipazione senza oneri delle indennità di cassa integrazione ordinaria , straordinaria e in deroga, e la sospensione del rimborso delle operazioni di mutuo nei confronti delle famiglie disagiate che hanno perso capacità di reddito. Per il sostegno al credito delle imprese gli istituti bancari si impegnano, fatto salvo la valutazione del merito creditizio, a confermare i fidi, a mettere a disposizione 100 milioni di euro per le esigenze di liquidità di breve , medio e lungo termine.

 

Nell'ambito dell'accordo le cooperative di garanzia-consorzi fidi si sono impegnate a concedere, previa valutazione del merito creditizio e per le finalità dell'accordo, garanzie fideiussorie per un importo minimo pari al 30 per cento dell'ammontare di ciascun finanziamento. La Camera di Commercio , la Provincia e i Comuni si sono impegnati a confermare anche per i bilanci 2010 lo stanziamento di risorse straordinario, già previsto nel bilancio 2009, confermando quindi l'incremento di risorse.

 

Gli enti locali si sono impegnati a riconoscere ai creditori che ne facciano richiesta la certificazione dei crediti esigibili, vantati dalle imprese verso gli enti pubblici .Le organizzazioni sindacali, le associazioni di categoria e Confidi si sono impegnati a fornire gratuitamente la necessaria assistenza tecnica ai lavoratori e alle imprese  per il perfeziona mento  delle pratiche coerenti con il presente accordo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -