RAVENNA - Fronzoni (Lpr) punta il dito su consulenze, cda e collegi sindacati delle società pubbliche

RAVENNA - Fronzoni (Lpr) punta il dito su consulenze, cda e collegi sindacati delle società pubbliche

RAVENNA – “Ridurre i costi della politica: da tanto se ne parla, ma poi le tentazioni politiche prevalgono sul risanamento etico e degli eccessi di spesa e nonostante le costanti denunce di Corte dei Conti e Ragioneria Generale dello Stato”. Lo afferma Federico Fronzoni, consigliere comunale della Lista per Ravenna.


“Propongo allora un Codice Etico/Politico di autoregolamentazione – prosegue Fronzoni -, un segnale concreto e possibilmente condiviso nell’opera di risanamento dei costi della politica applicata. Lo scenario in oggetto vede il numero complessivo degli Amministratori di CdA e dei membri del Collegio Sindacale in 86 (65 Amministratori + 21 Sindaci), delle società a maggioranza pubblica dove Ravenna partecipa attivamente”.


“Il costo totale, comprensivo dei consiglieri delle controllate di Hera (circa 60 società e per i quali per pudore e sforzo immane non abbiamo il numero), ammonta a circa 5,6 milioni di Euro per i CdA ed i Collegi Sindacali – spiega ancora il consigliere -. Solo in Hera le Consulenze siano passate da 13.059.000 Euro nel 2004 a 32.953.000 Euro nel 2005, i vecchi 60 miliardi di lire”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Romagna Acque ha liquidità per circa 90,5 milioni di Euro (circa i 2/3 del Bilancio del Comune di Ravenna), investita in Titoli di Stato e altri titoli, per 77,8 milioni – prosegue l’analisi del consigliere di Lpr -, e Depositi Bancari per 11,7 milioni. Tale liquidità frutta alla società 3,5 milioni di proventi finanziari, per poi andare a pagare 2,6 milioni di tasse, principalmente allo stesso Stato al quale presta il denaro. In più la società riceve ogni anno circa 4,6 milioni di Contributi Governativi Statali. Ha poi ottenuto il 2 Gennaio 2006 un finanziamento ventennale di 20 milioni di Euro dalla Banca OPI Spa di Roma. E Sapir non è da meno, con circa 10 milioni di Euro di liquidità investita, che producono proventi finanziari a beneficio del bilancio”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -