Ravenna, Giacomo Poretti: dalla comicità alla Bibbia

Ravenna, Giacomo Poretti: dalla comicità alla Bibbia

Ravenna, Giacomo Poretti: dalla comicità alla Bibbia

RAVENNA - Ai nostri giorni si sente sempre più parlare del valore della diversità. Ciò costituisce una svolta culturale e civile. Sorge tuttavia un problema: come tener assieme  l'arcobaleno delle differenze senza rinunciare all'altro grande valore costituita dall'uguaglianza? Come salvaguardare sia la comune appartenenza all'umanità sia lo specifico di ciascun gruppo? Il problema ha radici antiche, e proprio su queste verterà il convegno di Giacomo Poretti, proprio quello del trio ‘Aldo Giovanni e Giacomo'

 

Le Scritture ebraiche contengono la storia del mondo vista nell'ottica propria di una minoranza: dal punto di vista quantitativo quello ebraico è sempre stato un piccolo popolo. Eppure le sue pagine sono spesso dotate di un respiro universale. Non a caso il libro della Genesi  nel capitolo 10 tratteggia una mappa, senza eguali  nel mondo antico,  dei popoli che abitano sulla terra. Il mito più noto della dispersione è quello della torre di Babele. Tuttavia, se letto con attenzione, esso non condanna affatto la pluralità, anzi è vero proprio il contrario.Questi antichi racconti hanno avuto un influsso senza pari sulla storia e sulla cultura dell'Occidente. Oggi, quando tendenze razziste e xenofobe rialzano prepotentemente la testa,  se ne impone una approfondita rilettura.

 

La rivisitazione della Bibbia può essere compiuta sotto molto angolature. Alcune, all'apparenza solo lievi, sono in realtà ricche e stimolanti per mente e spirito.  Così  avverrà la sera di venerdì 4  febbraio quando Giacomo Poretti mostrerà quanto il suo ben noto umorismo si intrecci con  una solida conoscenza della Bibbia:  sarà una sorpresa per molti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -