Ravenna: Giovanni Impastato e Modena City Ramblers all'Almagià

Ravenna: Giovanni Impastato e Modena City Ramblers all'Almagià

Domani, mercoledì 3 marzo alle ore 20.30 all'Almagià, è previsto l'evento clou del calendario delle iniziative contro le mafie, organizzate dall'istituzione infanzia e istruzione del Comune.

Per l'occasione verrà  proiettato il documentario "Onda Libera" realizzato durante il percorso della Carovana della legalità, dall'Associazione Pereira in Sicilia.

Al centro della serata l'intervento di Giovanni Impastato, fratello di Peppino Impastato vittima di mafia, che tratterà dell'esperienza della "Casa Memoria" di Cinisi aprendo così un dibattito con il pubblico.

Chiuderà la serata il gruppo musicale dei Modena City Ramblers che proprorrà alcuni brani del suo repertorio.

Alla serata saranno presenti il sindaco Fabrizio Matteucci, l'assessore Electra Stamboulis e la rappresentante dell'associazione Libera, Marisa Zani.

Gli appuntamenti con Impastato continueranno nei prossimi giorni: venerdì 5 in serata, alle 21, presenterà alle "Dune" di Campiano il suo libro sulla vita del fratello, morto per mafia, dal titolo "Resistere a mafiopoli. Storia di mio fratello Peppino".

 

Sabato 6 marzo alle 11, sarà presente all'intitolazione del parco della località di Campiano a Giuseppe Impastato, alla presenza del sindaco, dell'assessore al decentramento Silveria Lameri e del presidente della circoscrizione Davide Coralli.

Accanto agli eventi pubblici, il programma dell'istituzione infanzia e istruzione ha previsto nei prossimi giorni incontri con Giovanni Impastato nelle scuole medie rivolti a circa 700 ragazzi delle scuole Damiano Novello, Ricci Muratori, e Valgimigli di Mezzano. 

Nella settimana dal 15 al 19 marzo i risultati delle lotta alla mafia verranno serviti in tavola: Camst, l'impresa che gestisce le mense scolastiche delle scuole del Comune, utilizzerà gli alimenti provenienti dai terreni siciliani confiscati alla mafia, e oggi coltivati dai giovani della cooperativa Placido Rizzotto, nella somministrazione di 35mila pasti.

L'Istituzione Istruzione e Infanzia ha voluto dare impulso al consumo di questi prodotti per il significato etico e civile che essi assumono anche come occasione di riflessione per i ragazzi sui valori della legalità.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -