Ravenna, happy hours. Servimpresa soddisfatta: "E ora combattiamo i veri furbetti"

Ravenna, happy hours. Servimpresa soddisfatta: "E ora combattiamo i veri furbetti"

Ravenna, happy hours. Servimpresa soddisfatta: "E ora combattiamo i veri furbetti"

"Apprendiamo, con immenso piacere, la notizia dell'approvazione, da parte del Senato, dell'emendamento proposto dall'esponente della Lega Nord, Gianluca Pini, sulla regolamentazione delle feste in spiaggia. Finalmente può ricominciare l'estate vera, allegra, sana e responsabile". Inizia così il commento di Luca Silvestrone, Direttore Generale di Servimpresa Ravenna, sulle nuove disposizioni in materia di happy hour. "Ora iniziamo a combattere i veri furbetti".

 

"Dopo tante, troppe polemiche, è servita la riforma del codice della strada che consente, anche, di riaprire le spiagge a chi si vuole divertire in modo assolutamente sano e responsabile, nel rispetto delle leggi vigenti. Mi sembra importante ripartire da qui. Le limitazioni sul bere per chi si mette alla guida, per i minorenni, l'apertura alle feste regolamentate, è un'ottima base di partenza per ricominciare a lavorare. Certo, se il Sindaco avesse ascoltato il nostro grido di dolore, le cose si sarebbero sistemate prima. Ormai siamo ad agosto e chi ha deciso di andare in vacanza altrove, ormai non torna indietro, ma penso che, oggi, siamo di fronte ad un'occasione storica per far ripartire il dialogo".

 

"Il problema - continua Silvestrone - è che, per dialogare, occorre essere in due. E, purtroppo, dalle dichiarazioni che leggo da parte di Matteucci, si avverte, nuovamente, rabbia e la voglia di proseguire la sua crociata contro le feste ma non contro l'alcol. La cosa più incredibile, e vorrei davvero che questo messaggio passasse, è che noi abbiamo, da sempre, proposto di regolamentare le feste selvagge e di limitare l'alcol. L'ordinanza definita, del tutto impropriamente, "anti sballo", ha favorito i furbetti e chi vuole sballarsi senza problemi. I risultati del sabato sera dopo la mezzanotte a Marina di Ravenna dimostrano il fallimento totale dell'ordinanza di cui si vanta Matteucci. Ritengo, a ragion veduta, che il Sindaco dovrebbe prendere esempio dall'emendamento appena approvato ed ammettere che, da domani, i giovani potranno divertirsi senza sballarsi non certo grazie ai suoi provvedimenti fumosi.  Sarebbe bellissimo se il Sindaco assumesse, ora, un atteggiamento responsabile, aprisse il dialogo a tutti gli interlocutori, anche al Gruppo di imprenditori che ora non vuole più ricevere, resettasse tutto, mettesse da parte rancori e personalismi che non sono consentiti a chi deve rappresentare un'intera città e non una parte e, partendo da questo emendamento che lui deve riconoscere senza trovare scuse che lasciano il tempo che trovano, ricercasse, assieme agli imprenditori, una soluzione seria e congrua per riportare un turismo sano a Marina e salvare, almeno, l'ultima parte di una stagione assolutamente fallimentare".

 

"Per chiudere vorrei rispondere al sig. Manetti del bagno Fandango che continua, incessantemente, a dichiarare che ci sono furbetti che hanno lavorato solo per far ubriacare i giovani. O Manetti fa i nomi o taccia. Offendere così i suoi colleghi che lavorano e rischiano come e più di lui, senza favori e favoritismi, non gli fa onore, Cominci a fare i nomi così come io farò video e nomi dei veri furbetti. Magari si chieda come mai qualcuno, sul proprio sito, pubblicizza una festa "senza moderazione" e afferma, con soddisfazione, che ha modificato la spillatrice delle birre che ora saranno di più e più potenti." 

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di art
    art

    Marina sta molto meglio di prima. Il Lungomare di Marina era impresentabile, fra caos, bottiglie rotte, sballati e ubriachi. Marina sta riconquistanto dignità, immagine e una prospettiva di turismo per famiglie, con una spiaggia enorme dalle grandi potenzialità. Ma c'è ancora chi rimpiange lo schifo dei tempi di Mercatali. Se lo fa, non può essere che per interesse (miope, del tutto miope)

  • Avatar anonimo di Gattostanco
    Gattostanco

    Già inserire una normativa sull'utilizzo della spiaggia all'interno del Codice della Strada la dice lunga sull'autorevolezza di questa triste maggioranza che ci governa. Personalmente, dopo anni che evitavo Marina di Ravenna la sera perchè c'erano troppi "casini", in queste ultime settimane ci sono tornato due o tre volte, anche di sabato sera. Ho visto tanta gente, un "pubblico" mediamente più adulto e, probabilmente (nonostante la crisi), più interessante come "consumatore". Che poi per andare contro il Sindaco di Ravenna e la sua Maggioranza, o per fare pubblicità ad un'associazione appena arrivata e ben poco rappresentativa numericamente, si sia sempre pronti ad affermare tutto ed il contrario di tutto... ci può stare. G.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -