Ravenna, i ristoratori contro le feste di partito: "E' concorrenza sleale"

Ravenna, i ristoratori contro le feste di partito: "E' concorrenza sleale"

(foto d'archivio)-39

RAVENNA - Stop alle feste del PDL, del PD, della Lega: danneggiano i ristoratori. In poche parole potrebbe essere riassunta così la richiesta del Sindacato ristoratori di Confcommercio Imprese di Ravenna, fatta al sindaco Matteucci er chiedere una moratoria sulle feste di partito che in piena stagione turistica vengono organizzate nelle località turistiche e nel forese. "Molti associati - ha detto Mauro Mambelli, presidente del sindacato - ci hanno chiamati per lamentare la concorrenza sleale delle feste di partito".

 

"Ultima in ordine di tempo, a Marina di Ravenna, la festa della Lega Nord che quest'anno, avendo cambiato periodo, è stata svolta in un momento che già vede la presenza di molte altre iniziative sulla località tutte a sfondo enogastronomico e che spesso si fregiano del patrocinio del Comune di Ravenna . I ristoratori lamentano il proliferare di queste situazioni proprio al culmine della fase di recessione, che ha diminuito drasticamente la capacità di spesa delle famiglie e la loro propensione ai consumi fuori casa".

 

"I partiti politici - dicono i ristoratori - sfruttano poi la leva del volontariato per fare profitti e spesso, questo si traduce nella possibilità di offrire prodotti (della cui qualità non si vuole entrare nel merito) a prezzi assolutamente non sostenibili per un'impresa a meno che non ricorra a forme di evasione. Per questo motivo il sindacato ha deciso di inviare una lettera al primo cittadino di Ravenna per chiedere di emanare un apposito regolamento sulle feste di partito, sagre e altre organizzazioni di eventi estemporanei per evitare il concentrarsi di detti eventi in periodi di tempo così ravvicinati e penalizzanti per gli operatori professionali".

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    Lamentela dei ristoratori assolutamente infondata, anche se, dal loro punto di vista, comprensibile. Infatti feste di partito e sagre, pur se singolarmente limitate nel tempo, tendono ad aumentare di numero ogni anno. C'è però da dire che finchè ci si basa sul volontariato e chi vi lavora non percepisce niente, neanche come rimborso spese, ogni lamentela non ha senso. Certo, i prezzi spesso sono quasi allienati a quelli dei ristoranti......

  • Avatar anonimo di steno
    steno

    ma sapete leggere l'Italiano, sono i ristoratori che si lamentano, non il Sindaco di Ravenna!!!! A lui hanno inviato una lettera.....Figuriamoci se un Sindaco fa un ordinanza contro le feste di partito.....dai!!!! In Romagna!!!!

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    Qualcuno spieghi a Matteucci per favore che il calo del turismo nel suo territorio è solo una conseguenza dei suoi provvedimenti. Le feste di partito ci son sempre state.. Caso strano che Matteucci sia proprio A caso infastidito da quelle dela Lega ?!?!?!??!?!? il 90% delle persone che ci va sono persone che si recano lì solo per quel motivo, di proposito, quindi il Sindaco ringrazi le feste di partito che richiamano la gente che lui ha contribuito a cacciare. In tutta la mia età passata in riviera ho ricevuto il 15% degli scontrini che avrei dovuto ricevere . Lì alla festa della Lega si ritira il cibo solo con lo scontrino. Aggiungo......se avessi votato almeno una volta in vita mia pd pci o quel che è........avrei il permesso di dire : " questa è dittatura ! Non c'è neanche più libertà di espressione ! Mi sembra una moratoria a prova di razzista " e chi più ne ha più ne metta.................

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Decisamente senza vergogna. Come può una persona sostenere affermazioni simili per ordine di partito ? con che dignità torna a casa la sera in famiglia ?

  • Avatar anonimo di matteo74
    matteo74

    alla luce del sole ci sono anche le norme sanitarie, immagino...!! hccp % Co. mi sembrano tante volte così dimenticate... Comunque sia, nemmeno io penso che le feste di partito tolgano persone ai locali.... stesso prezzo dei locali, qualità del servizio nemmeno sufficiente... non c'è il paragone, assolutamente!!

  • Avatar anonimo di Max67
    Max67

    Sono senza vergogna...

  • Avatar anonimo di zio Giangi
    zio Giangi

    Cari ristoratori, prima di lamentarvi delle feste di partito, vedete di pagare le tasse, dal momento che il vostro reddito medio è pari a circa 8000 Euro. Poi mi viene da ridere anche quando dite che nelle feste c'è un' offerta a prezzi non sostenibili per le vostre imprese, a meno che non si ricorra a forme di evasione. Ma fino ad adesso cosa avete fatto ? Per non parlare dei vostri lavoratori in nero, almeno nelle feste c'è un volontariato alla luce del sole.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -