Ravenna, il 17 marzo negozi aperti nelle zone ad economia turistica

Ravenna, il 17 marzo negozi aperti nelle zone ad economia turistica

Ravenna, il 17 marzo negozi aperti nelle zone ad economia turistica

RAVENNA - Il 17 marzo è stata dichiarata festa nazionale, ma solo per quest'anno. Nelle giornate di festività civile il generale obbligo di chiusura dei negozi non vale per le attività che si trovano nelle zone ad economia turistica e nelle città d'arte. Ciò vale per tutto il territorio nazionale, non solo per Ravenna. Gli altri negozi fuori dalla zona turistica potranno rimanere aperti il 17 marzo solo se tale giornata sarà già stata inserita tra le festività annuali in cui è possibile svolgere l'attività.

 

"Per quanto invece riguarda le parti del territorio comunale di Ravenna non appartenenti alla città d'arte e non classificate come zona a economia turistica - si legge infatti in una nota dell'Amministrazione Comunale di Ravenna - i negozi che vi si trovano potranno restare aperti solo qualora la giornata del 17 marzo sia stata inserita dai titolari tra le otto domeniche e festività dell'anno nelle quali è possibile svolgere l'attività, come prescrive l'apposita ordinanza emanata in materia dal Comune. Che dà inoltre la facoltà agli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande del centro storico di restare aperti nella serata del 16 marzo fino alle 3 e di effettuare attività di audizione musicale all'interno del locale fino alle 3 e all'esterno fino all'1".

 

"Non si spiega dunque in alcun modo - sottolineano il vicesindaco Giannantonio Mingozzi e l'assessore al Commercio e al Turismo Andrea Corsini - come i sindacati possano parlare di ‘forzatura' rispetto al tema delle aperture domenicali e festive degli esercizi commerciali e affermare che l'apertura sia prevista in deroga alle otto giornate previste dalla legge Bersani".

"In nome delle nostre tradizioni e del nostro patrimonio storico e culturale patriottico e risorgimentale - aggiungono poi il vicesindaco e l'assessore entrando più nel merito della questione - ci siamo attivati per festeggiare la ricorrenza del 150° anniversario dell'unità d'Italia con la solennità e il rilievo che merita, e per questo vi ringraziamo per ogni collaborazione. Nella Notte del Tricolore ci saranno convegni, spettacoli, concerti, mostre; musei, monumenti e luoghi d'arte saranno aperti, in un evento che auspichiamo coinvolgerà non solo numerosi cittadini ma anche tanti turisti. In questo contesto riteniamo che l'apertura dei negozi sia non solo legittima ma anche opportuna. Ci rendiamo conto del sacrificio che dovranno compiere gli operatori che faranno questa scelta, e i loro dipendenti, ma siamo assolutamente convinti che se ci vogliamo sempre di più connotare come un centro di turismo culturale, e in questa chiave valorizzare anche i nostri percorsi risorgimentali, nelle giornate del 16 e del 17 marzo dovremo presentarci come una città in grado di offrire ai cittadini e ai turisti tutti i servizi di cui hanno bisogno".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -