Ravenna, il bilancio delle Municipali. Raddoppiano i sequestri

Ravenna, il bilancio delle Municipali. Raddoppiano i sequestri

Ravenna, il bilancio delle Municipali. Raddoppiano i sequestri

RAVENNA - Giovedì si è svolta a Russi la tradizionale celebrazione di San Sebastiano, Patrono della Polizia Municipale, con la Chiesa Arcipretale di piazza Farini che ha raccolto buona parte degli agenti della Pm provinciale, in occasione della Santa Messa celebrata da Mons. Claudio Stagni, Vescovo di Faenza-Modigliana alla presenza di numerose autorità pubbliche, politiche, civili e militari, a cominciare dai componenti della Giunta Comunale di Russi.

 

Si tratta del secondo anno consecutivo in cui la ricorrenza è celebrata a livello provinciale secondo un calendario che prevede sedi diverse di anno in anno. "La decisione di condividere questo momento - commenta il Comandante della Polizia Municipale di Russi, Fabio Forlivesi - è stata fortemente voluta dalle polizie locali della Provincia di Ravenna ed assume una duplice rilevanza: religiosa, ovviamente e civile.

 

Si vuole, infatti, rappresentare la Polizia Locale come una unica entità che, forte di una capillare dislocazione e conoscenza del territorio, opera con quotidiana dedizione nell'interesse della collettività. Mi riferisco ad un sentire comune, fatto di unicità di intenti, di collaborazione reciproca, tutela e rispetto per la categoria che vanno al di la dei confini delle Amministrazioni che si rappresentano, che sono patrimonio di ogni operatore di Polizia Locale, di ogni persona che svolge la nostra professione".

 

Anche quest'anno è quindi prevista la diffusione unificata dei dati sul bilancio 2010 delle attività svolte da parte delle Polizie Locali impegnate in Provincia. Analizzando i dati nel loro insieme si nota immediatamente che rispetto alle principali attività svolte dalle Polizie Locali nel 2009, primo anno in cui sono stati unificati e diffusi in rete, risultano in netto incremento quasi tutti i servizi svolti direttamente sul territorio.

 

Può essere inteso come di buon auspicio ed associato ad un miglioramento delle condizioni di sicurezza della circolazione stradale e ad un comportamento degli automobilisti più rispettoso delle norme, il calo del numero totale degli incidenti rilevati (1.874 contro i 2.026 del 2009, - 8%) e delle violazioni amministrative accertate (138.258, contro le 151.101 del 2009, - 8%); risulta, infatti, significativo il ruolo delle Polizie Locali per quanto riguarda queste ultime attività.

 

Si presentano inoltre in netta crescita i dati relativi ai sequestri ed ai fermi amministrativi di veicoli, passati da 674 a 1.245 (+ 85%), come pure il numero dei rinvenimenti di veicoli rubati, da 71 a 121 (+ 70%). Più contenuto, ma comunque in crescita, il dato inerente i servizi di educazione stradale che hanno coinvolto le forze della Polizia Municipale e della Polizia Provinciale per complessive 2.802 ore (contro le 2.253 del 2009, + 24%).

 

Significativo il numero dei servizi di controllo ambientale (1.707), dei sopralluoghi edilizi (1.957) e dei controlli commerciali (8.612). Rilevante il numero dei fermi per identificazione (41) e degli arresti (29) a testimoniare l'importanza delle attività svolte a livello provinciale in materia di polizia giudiziaria. Sono state dedicate 8.530 ore a posti di controllo a posto fisso e 7.526 ai servizi di pattuglia nei centri storici.

 

I servizi di controllo del territorio provinciale ammontano a un numero complessivo di 92.883 ore e sono 12.219 le ore dedicate al presidio dei plessi scolastici. Il numero totale dei veicoli controllati nel 2010 ammonta a 70.967, i controlli con pre-test etilometro sono risultati 3.763, quelli con etilometro 506, 194 le persone denunciate per guida in stato di ebbrezza. In ultimo, in provincia, sono stati rimossi 1.357 veicoli.

 

I rappresentanti degli otto comandi della Provincia hanno illustrato i dati per ordine tematico. Fabio Forlivesi, comandante della Pm di Russi, nell'illustrare i numeri relativi alle ore di lavoro per l'educazione stradale nelle scuole ha evidenziato l'importanza di questo servizio nel senso della prevenzione attraverso prove pratiche di guida, preparazione al rilascio del patentino per i ciclomotori e concorsi atti a sviluppare la consapevolezza sui temi della sicurezza stradale nei ragazzi delle scuole.

 

Roberto Faccani, comandante della Polizia Municipale di Bagnacavallo-Cotignola-Fusignano ha illustrato i dati relativi al controllo del territorio, sottolineando l'importanza e l'incremento dei rapporti tra la polizie locale e le altre forze dell'ordine nell'ottica della salvaguardia di obiettivi comuni, e "spesso sono proprio i cittadini che si rivolgono prioritariamente a noi per specifici servizi, tra cui il rinvenimento di veicoli rubati", dato in grande incremento nei dati della Pm.

 

Stefano Rossi della Polizia Municipale di Ravenna ha evidenziato la comunanza degli intenti e degli interventi tra le Pm locali, ricordando l'importante ruolo svolto dalla Regione Emilia-Romagna a sostegno dei progetti locali, e ha trattato il delicato tema degli accertamenti e dei trattamenti sanitari obbligatori, che la Pm svolge trasportando, all'occorrenza, le persone anche in istituti molto lontani dalla provincia.

 

"Nella nostra Provincia - ha ricordato Rossi - le Polizie locali hanno siglato un protocollo con l'Asl che definisce chiaramente le linee di intervento condivise a cui dobbiamo attenerci. Si tratta di un documento molto importante". Il Vicecomandante della Pm provinciale Guido Bezzi ha ricordato l'importanza e la specificità dei numerosi servizi di controllo ambientale svolti dagli agenti. Relativamente all'area provinciale dell'arenile, e con particolare riferimento ai piccoli furti, le liti e la sicurezza, ha relazionato Roberto Giunchi, Vicecomandante a Cervia.

 

Ebe Valori, Vicecomandante di Lugo, ha fornito ulteriori dati sul monitoraggio del territorio e la funzione anche preventiva legata a questi servizi. Giorgio Ancarani del comando di Conselce-Alfonsine-Massa Lombarda, in rappresentanza del comandante, è intervenuto sul servizio di prevenzione e controllo del tasso etilico dei guidatori, ricordando le numerose campagne e il lavoro di prevenzione operato soprattutto nei confronti dei più giovani, e illustrando anche i dati dei controlli, dai quali risulta che le verbalizzazioni relative a queste infrazioni del Codice della Strada riguardano il 3,25% della auto controllate.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull'infortunistica ha infine relazionato Paolo Ravaioli del Comando di Faenza, con dati "molto emblematici per quanto riguarda la collaborazione virtuosa tra noi e le forze dell'ordine - ha detto Ravaioli -. Anche in questo caso si tratta di servizi a richiesta e spesso è proprio alla Pm che si rivolgono i cittadini. Il calo dell'8% dell'incidentalità si spiega anche con un miglioramento delle condizioni delle strade".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -