Ravenna, il lavoro si trova in campagna: migliaia di under 25 per la raccolta frutta

Ravenna, il lavoro si trova in campagna: migliaia di under 25 per la raccolta frutta

Ravenna, il lavoro si trova in campagna: migliaia di under 25 per la raccolta frutta

RAVENNA - Dal primo giugno i giovani dai 16 ai 25 anni di età regolarmente iscritti ad un ciclo di studi possono lavorare durante l'estate ed essere remunerati con voucher, i buoni lavoro che comprendono già la copertura assicurativa e previdenziale e non sono soggetti a ritenute fiscali. Coldiretti Ravenna stima che  durante l'estate  saranno almeno 2mila in tutta la provincia i giovani impegnati nelle campagne di raccolta di frutta, verdura e nella vendemmia.

 

 "In controtendenza rispetto all'andamento generale - sottolinea il direttore Coldiretti Ravenna Antonio Sangiorgi - è infatti tornata ad aumentare l'occupazione nelle campagne dove è giovane addirittura un lavoratore dipendente su quattro". Nel 2010 si è verificato un aumento degli occupati in agricoltura dell'1,9 per cento a fronte del calo generale dello 0,7 per cento, secondo la Coldiretti che associa il maggior numero di imprese che assumono manodopera.

 

La fine della scuola coincide con il periodo di maggior impiego di lavoro nelle campagne dove iniziano le attività di raccolta di pesche e albicocche durante l'estate fino alla vendemmia che si concentra nel mese di settembre.  "Per gli studenti - continua Sangiorgi - lavorare nei campi significa, oltre che prendere contatto con il mondo del  lavoro,  anche fare una esperienza diretta a contatto con la natura, con i suoi prodotti e con quella cultura che ha fatto, della nostra regione e provincia, territori da primato a livello internazionale nell'offerta di alimenti e vini di qualità". Una occasione per conoscere la genuinità e le caratteristiche dei veri prodotti locali e per imparare a distinguerli da quelli importati spacciati come nazionali anche - precisa la Coldiretti - sugli scaffali dei mercati al momento di fare la spesa.  Lo strumento dei voucher è stato introdotto per la prima volta proprio in occasione della vendemmia 2008. Da allora sono stati oltre 3,3 milioni quelli del valore di 10 euro staccati per remunerare il lavoro in campagna. L'agricoltura è il settore che ha maggiormente utilizzato questa opportunità con circa il 27 per cento dei voucher totali. In provincia di Ravenna i voucher richiesti nel 2010 dagli imprenditori agricoli associati Coldiretti sono stati ben 2390.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I voucher - conclude il direttore Coldiretti - rappresentano uno strumento che offre interessanti opportunità di reddito e occupazione a categorie particolarmente deboli e risponde coerentemente alle richieste di semplificazione del lavoro nei campi che può così meglio esprimere le proprie potenzialità in un momento di crisi, senza con ciò destrutturare il mercato del lavoro agricolo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -