Ravenna, il sindaco: "A fianco del Banco alimentare"

Ravenna, il sindaco: "A fianco del Banco alimentare"

In Emilia Romagna sono 117.134 le persone sostenute dalla Fondazione Banco Alimentare onlus che si avvale, oltre che dei contributi ottenuti dalla solidarietà dei cittadini, dei fondi del Pead, Programma europeo di aiuto alimentare. Fondi che rischiano di subire, per decisione della stessa Ue, un drastico taglio nel 2012 che andrà a penalizzare, solo in Italia, i circa 3 milioni di poveri cui sono destinate annualmente 48.000 tonnellate derrate alimentari da parte delle associazioni umanitarie.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco Fabrizio Matteucci si unisce al grido di allarme e alla battaglia della Fondazione Banco Alimentare onlus e dichiara: "In Italia i beni alimentari erogati diminuirebbero di cinque volte. E il problema riguarda anche gli altri Paesi dell'Unione europea, dove gli aiuti riguardano 15 milioni di persone. Gli sforzi delle associazioni di volontariato come la Fondazione Banco Alimentare e la solidarietà dei cittadini sono encomiabili, ma un adeguato sistema di welfare si deve basare su politiche di sostegno strutturali. E la decisione dell'Ue non va certo in questa direzione. Quello dell'alimentazione è un bisogno primario e bisogna fare di tutto per scongiurare la vera e propria emergenza sociale di fronte alla quale si troverebbe tutta l'Europa se non si facesse un deciso passo indietro rispetto alla riduzione del Pead".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -