Ravenna, in mille per la prima serata per Anita e Giuseppe Garibaldi

Ravenna, in mille per la prima serata per Anita e Giuseppe Garibaldi

Ravenna, in mille per la prima serata per Anita e Giuseppe Garibaldi

RAVENNA - Una straordinaria cornice di pubblico: mille persone hanno partecipato mercoledì sera alla cascina Guiccioli di Mandriole alla prima serata per Anita e Giuseppe Garibaldi. Ringraziando il pubblico, in apertura di serata, il vicesindaco Giannantonio Mingozzi ha sottolineato con soddisfazione la presenza di molti giovani "ai quali dobbiamo affidare i valori morali e civili dell'etica risorgimentale, dell'unità d'Italia, di una democrazia repubblicana che in vista del 150° va ancora più difesa di fronte a chi vuole dividere il Paese e non ha rispetto per la nostra storia".

 

>LE IMMAGINI

 

Il giornalista e scrittore Maurizio Maggiani e il sindaco di Laguna Aldicio Cadorin hanno parlato di Anita Garibaldi e di attualità del pensiero laico e mazziniano; il presidente della Federazione delle cooperative Lorenzo Cottignoli ha intitolato una sala della fattoria Guiccioli a don Isidoro Giuliani, morto nel 2008, alla presenza dei fratelli e di numerosi abitanti di Mandriole. Successivamente la corale Europa e Libertà ha introdotto la lettura di Francesca Mazzoni, su testi di Aurora Bedeschi, di brani tratti dall'opera musicale "Tu sarai mia".

 

Gli sciucaren e la colonna Garibaldi (che ha sparato tre colpi davanti alla casa di Anita) hanno accompagnato sul palco i numerosi premiati della serata: Enrico Petrelli e Giuseppe Mascolo, dei Cacciatori delle Alpi, Aldicio Cadorin e Maurizio Maggiani, Fulvia Missiroli ed Eugenio Busmanti, la famiglia Molinari e Graziella Gardini Pasini. Il vicesindaco Mingozzi ha consegnato poi alla signora Mambelli la "camicia di Garibaldi", in onore di Cesare Mambelli, a quindici anni dalla scomparsa, grande protagonista dell'economia ravennate (presidente Acmar e Ciro Menotti), per l'impegno profuso a salvaguardia dei monumenti risorgimentali di Ravenna, sia come consigliere comunale del Pri che come assessore della giunta Dragoni.

 

"E grazie a Mambelli - hanno detto Mingozzi e il presidente dell'Agci Morgagni - il monumento a Garibaldi nell'omonima piazza di Ravenna e lo stesso capanno Garibaldi sono oggi monumenti della storia patria ravennate che i giovani possono visitare e che non saranno dimenticati".  La banda municipale di Ravenna ha concluso la prima serata con l'inno di Mameli cantato anche dal foltissimo pubblico presente.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -