Ravenna, in progetto un altro impianto a biomasse a Roncalceci

Ravenna, in progetto un altro impianto a biomasse a Roncalceci

Ravenna, in progetto un altro impianto a biomasse a Roncalceci

RAVENNA - Nella zona industriale di Roncalceci potrebbe nascere un nuovo impianto di energia da biomasse. Lo denuncia la sezione ravennate dell'associazione ecologista ClanDestino: "Nella zona industriale a Roncalceci non c'e'  pace. In questi  anni e' successo davvero di tutto:  dallo scarico nei fossi di acque sature di metalli pericolosi, allo  spandimento di fanghi al mercurio provenienti dal porto di Ravenna,  al sequestro del terreno dove veniva  abusivamente smaltito il pericolosissimo  amianto sminuzzato", criticano Cinzia Pasi e Roberta Babini.

 

Che dicono: "Non bastava l'ex Eridania di Russi. Pare proprio che la Provincia di Ravenna sia in pieno  delirio energetico e se e' vero che un "inceneritore di  biomasse" non  lo si nega a nessuno,  ecco che  una  societa' di trasporti  che ha sede nella zona industriale a Roncalceci,  ha presentato la sua richiesta per costruirne uno. Per quanto ci e' dato sapere, si tratterebbe di  un gassificazione di biomasse solide di circa  1 Mw".

 

"Di fatto , si tratterebbe di un impianto che,  utilizzando biomasse solide "triturate",  produrrebbe  energia elettrica  che dovrebbe poi essere ceduta al gestore elettrico,  realizzando enormi entroiti  per il proponente, grazie al sistema  economico  "drogato" dei certificati verdi, sistema "truffaldino" che attinge  fondi dalle nostre bollette elettriche".

 

"Le  similitudini e le criticita' con l'impianto di Russi sono  chiare ed evidenti: anche qui il proponente  "fantastica" relativamente al combustibile, parlando di pioppi, di colture dedicate di  scarti provenienti dalla agricoltura e delle onnipresenti biomasse,  minimizzando le  ricadute inquinanti, ambientali e sanitarie sulla popolazione in un vasto raggio".

 

Specificano le due militanti dell'associazione ecologista: "Si ricorda  che gia'  vi sono difficolta' di reperimento di materia prima per l'impianto di Russi, tanto che si parla di materiale importato , anche dall'estero via mare, a questo  di 288.000 ton/anno si dovrebbe  aggiungere  questo  di Roncalceci, impianto che necessita di 10.000  ton/anno, e la normativa include nelle biomasse anche  i Rifiuti Solidi Urbani. L'azienda di trasporti,  potrebbe  non avere  difficolta' a reperire  prodotto  similare durante la  sua normale attivita'".

 

"Questo progetto aveva gia' fatto capolino nei primi  mesi dell'anno e tale argomento era stato oggetto di una riunione "privata"  con  il proponente  , riservata esclusivamente ai componenti del consiglio di circoscrizione . Il progetto aveva gia' sollevato  dubbi e perplessita'  tra i consiglieri presenti  tanto che, da quanto ci e' dato sapere, il consesso si era concluso con l'impegno da parte del presidente della circoscrizione, di informare i presenti qualora fosse stato presentato per l'autorizzazione, ma nulla e' trapelato e cio' non e' avvenuto. La richiesta di autorizzazione e' stata presentata in Comune a Ravenna  in data 7 luglio 2010 ,  come accade sempre in queste occasioni, nel  bel mezzo del periodo estivo, quando i cittadini   dovrebbero essere  meno attenti.  Ora la domanda e' piu' che lecita; chiediamo ai rappresentanti  politici  in circoscrizione e oltre:  Cosa intendete fare?"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -