Ravenna: infortunio al porto, due imputati prosciolti

Ravenna: infortunio al porto, due imputati prosciolti

Ravenna: infortunio al porto, due imputati prosciolti

Si è chiusa l'udienza preliminare relativa all'infortunio mortale sul lavoro avvenuto il primo settembre del 2006 nel quale perse la vita il 21enne Luca Vertullo, al suo primo giorno di lavoro alla Cooperativa Portuale. Il giovane rimase schiacciato nella stiva del traghetto ‘Espresso Catania', dal semirimorchio di un mezzo pesante spinto da un trattore alla guida del quale vi era un dipendente della Cooperativa. Disposti due proscioglimento e due rinvii a giudizio.

 

Il processo, davanti al giudice Piero Messini D'Agostini, inizierà il prossimo 9 giugno. Saranno processati il 45enne Mario Padroni, responsabile del Servizio di prevenzione e protezione della Compagnia Portuale srl, e Vicenzo Trestino, 59 anni, primo ufficiale di coperta del traghetto in cui si consumò la tragedia e responsabile del Servizio di prevenzione e protezione dell'imbarcazione.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due imputati che sono stati proscioliti "per non aver commesso il fatto" sono Franco Pecorini, 48 anni, rappresentante della società armatrice del traghetto, e Roberto Tana, 71 anni, presidente della stessa società. L'udienza continuerà per gli altri dodici imputati: undici hanno chiesto il rito abbreviato, mentre uno di loro il patteggiamento. La discussione comincerà il 21 luglio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -