RAVENNA - L’assessore Fusignani incontra i vertici del consorzio di bonifica della Romagna occidentale

RAVENNA - L’assessore Fusignani incontra i vertici del consorzio di bonifica della Romagna occidentale

RAVENNA - L’ultimo di una serie di incontri che l’assessore provinciale alla manutenzione e sicurezza idraulica, Eugenio Fusignani, ha programmato con le autorità idrauliche (consorzi di bonifica, servizi tecnici di bacino) si è svolto a Lugo, nella sede del Consorzio di bonifica della Romagna occidentale rappresentato dal presidente Alberto Asioli e dai direttori generale, Giovanni Costa , e tecnico, Elvio Cangini.


Il Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale opera in un comprensorio di circa 195 mila ettari tra il Sillaro ad ovest, il Lamone a est, il Reno a nord e lo spartiacque del bacino idrografico a sud. Il comprensorio ricade in cinque province: Ravenna (prevalente), Bologna, Forlì-Cesena, Ferrara, Firenze ed in 35 Comuni.


L’assessore Fusignani ha sottolineato il particolare significato dell’incontro riscontrando: “grande interesse, da parte degli interlocutori, nel rafforzare un rapporto di stretta collaborazione e di proficuo confronto non solo dialettico con la Provincia prefigurando sinergie per possibili comuni percorsi”.


“Nel corso della riunione – dichiara Fusignani - si sono affrontate tematiche relative alla difesa del suolo, con particolare riferimento alla subsidenza e alla sicurezza idraulica del territorio e si è inoltre concertato d’istituire un tavolo permanente di confronto. Scopo di questi incontri è di valutare le criticità del territorio e fare il punto sullo stato dell’arte per quanto concerne il reticolo degli scoli consorziali che negli ultimi anni hanno contribuito anch’essi a determinare situazioni di precarietà del territorio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’assessore ha rilevato come “la forte densità abitativa, l’agricoltura intensiva e i mutamenti climatici possano mettere in crisi i sistemi residenziali ed economico-produttivi, oltre all’incolumità delle persone se manca un’adeguata regimazione idraulica del reticolo primario (i fiumi), secondario (canali) e della costa. La situazione dei nostri fiumi sarà oggetto di incontri che avrò con i vertici dei consorzi di bacino romagnoli nelle prossime settimane”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -