Ravenna, l'Ausl: "Prima di partire per le ferie, donare il sangue"

Ravenna, l'Ausl: "Prima di partire per le ferie, donare il sangue"

RAVENNA - Il fabbisogno di sangue non va in vacanza. È per questo che prima di partire per le vacanze, nel mese di agosto, i donatori e le donatrici sono invitati a donare sangue intero nei punti di raccolta del territorio e degli ospedali. A giugno di quest'anno la raccolta e i consumi tendono a coincidere e in questi casi l'autosufficienza è minata ogni giorno sia per la quantità di sangue necessario sia per particolari gruppi sanguigni.

 

A dimostrazione che anche durante il periodo estivo la gente si ammala e ha bisogno di sangue o di interventi chirurgici abbiamo alcuni importanti fatti di cronaca legati a incidenti stradali: talvolta, purtroppo, nonostante il grande consumo di sangue trasfuso alla persona che ha subito l'incidente, non si riesce a ridare salute, ma ogni tentativo deve essere fatto.

 

Con le associazioni AVIS e FIDAS-ADVS, sono stati 104 i donatori di sangue, anonimi e volontari, che hanno contribuito alla riuscita di un evento di grande rilevanza avvenuto nei giorni scorsi presso il Centro Trapianti dell'Ospedale S. Orsola. Infatti, in sole 48 ore sono stati eseguiti ben 13 trapianti di organo. Questi pazienti, per essere trapiantati, hanno avuto bisogno complessivamente di 49 concentrati di globuli rossi (filtrati e irradiati), che corrisponde al 25% dell'utilizzo medio giornaliero, 36 plasmaferesi e 3 concentrati piastrinici (da aferesi), che corrispondono alle unità donate giornalmente. Vogliamo ricordare che per ogni trapianto ci vuole almeno un donatore d'organo, ma anche 8 donatori di sangue.

 

Questo fatto di cronaca non ha avuto l'eco che avrebbe richiesto, mentre si deve sapere che anche nel nostro territorio provinciale abbiamo persone in attesa di trapianto che potrebbero beneficiarne ed anche per questo dobbiamo fare in modo che, oltre alla copertura del fabbisogno locale di sangue, ci sia anche la possibilità di fornire il nostro contributo. Grazie dunque a tutti questi donatori e donatrici anche da parte degli ammalati che hanno voce per nostro tramite, e che sentono gratitudine per il ritorno alla vita.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -