Ravenna, la differenziata bussa alla porta di 310mila ravennati

Ravenna, la differenziata bussa alla porta di 310mila ravennati

Ravenna, la differenziata bussa alla porta di 310mila ravennati

RAVENNA - 310.000 persone, per circa 140.000 famiglie, di cui quasi 75.000 a Ravenna. Sono queste le cifre del progetto "Hera bussa alla tua porta", una grande iniziativa attraverso la quale il Gruppo raggiungerà i propri clienti nei Comuni del ravennate (Alfonsine, Bagnacavallo, Bagnara di Romagna, Cervia, Conselice, Cotignola, Fusignano, Lugo, Massalombarda, Ravenna, Russi e Sant'Agata), sulla porta di casa, appendendo direttamente alla loro maniglia un kit di materiali informativi, chiari e sintetici, sulla raccolta differenziata.

 

 La distribuzione prenderà il via progressivamente a partire da mercoledì prossimo. L'obiettivo è quello di incrementare ulteriormente quantità e qualità delle raccolta in tutto il territorio servito. Una quantità già arrivata a fine 2010 nel territorio di Ravenna al 54% circa, a fronte di una media nazionale di circa il 30%.

Il materiale distribuito.

 

Il kit, interamente realizzato su carta riciclata, contiene una lettera che spiega l'iniziativa, firmata dall'Amministratore Delegato di Hera Maurizio Chiarini, oltre a tre libretti. "Rifiutologo", risponde a tutti i dubbi sulla differenziata. Un pratico vademecum che elenca, in ordine alfabetico, i vari tipi di rifiuti che normalmente ognuno di noi produce, associando ad ognuno il corretto tipo di conferimento.

 

"Le tue stazioni ecologiche", fornisce tutte le informazioni su questo servizio ed è realizzato su misura per i Comuni del ravennate, con indirizzi e orari di apertura delle 21 stazioni ecologiche attive. La brochure illustra, inoltre, il funzionamento dei servizi di ritiro gratuiti messi a disposizione dei cittadini da Hera. "Sulle tracce dei rifiuti", spiega in modo trasparente come vengono gestiti e dove finiscono i rifiuti che tutti i giorni Hera raccoglie, rispondendo ad un dubbio che a volte si presenta: che fine fanno i rifiuti che i cittadini si impegnano a separare? Oltre il 90% viene recuperato.

 

Il dato emerge da un'indagine nella quale Hera ha coinvolto 35 imprese di prima destinazione, dislocate sull'intero territorio servito dal Gruppo, che si occupano di stoccaggio, selezione o prima lavorazione dei materiali raccolti, per essere poi inviati agli impianti di recupero. Ecco le percentuali di rifiuti recuperati, materiale per materiale: plastica 76,4%, carta 90,5%, organico 92,3%, vetro 93,5%, metalli 94%, verde (sfalci e potature) 94,2%.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -