Ravenna: la donazione Zancanaro alla Classense

Ravenna: la donazione Zancanaro alla Classense

RAVENNA - In occasione della XII Settimana della Cultura, l'Istituzione Biblioteca Classense presenta la Donazione Zancanaro pervenuta alla Biblioteca Classense per volontà dell'Archivio Storico Tono Zancanaro di Padova. 

 

Il lascito, a seguito della grande mostra (Zancanaro in Romagna. La carta e la pietra. Ravenna e le città di Tono) allestita tre anni or sono alla Manica Lunga, comprende la serie quasi completa delle opere incise di Tono Zancanaro, con ottocento stampe originali che coprono un arco cronologico di quasi mezzo secolo, dai primi anni ‘40 agli ultimi momenti di lavoro dell'artista scomparso nel 1985.

 

Si tratta di un patrimonio di altissimo pregio artistico, altamente rappresentativo dell'attività in campo calcografico di Zancanaro, universalmente noto come uno dei maggiori disegnatori del Novecento.

Della raccolta di acqueforti donata alla città di Ravenna e già sottoposta ad un'analitica opera di catalogazione e repertorizzazione da parte della Biblioteca Classense e della Soprintendenza regionale per i beni librari e documentari fanno parte fogli memorabili: si va dalla notissima serie satirica del "Gibbo", ai più abituali tipi femminili zancanariani, peraltro ricorrenti anche nella produzione pittorica, decorativa, plastica, ceramica, musiva dell'eclettico artista padovano.

 

Si segnalano, infine, le serie grafiche che più direttamente rimandano al rapporto che ha legato Tono Zancanaro all'ambiente romagnolo e ravennate, a partire dalla fine degli anni ‘50. Notissima, ad esempio, è la cartella dei "Monumenti ravennati" realizzata nel 1973 durante il periodo d'insegnamento presso la locale Accademia di Belle Arti e dedicata alle chiese ed agli edifici romanici della città. Frequenti "bellezze teutoniche", così come le "Rosamunde" oppure i "Madisonici twist" sfrenatamente ballati sulla spiaggia marina riportano invece alle tante stagioni estive trascorse dall'artista sulla riviera di Cesenatico.

 

Nato a Padova nel 1906, Tono Zancanaro ha  iniziato ad operare nei primi anni '30. Hanno inciso sulla sua maturazione artistica gli incontri con Giorgio Rubinato, intellettuale raffinato e di vastissima cultura, e con il pittore Ottone Rosai. Nel 1952 ha vinto il primo premio per l'incisione alla Biennale di Venezia. Da allora ha svolto un'intensissima attività espositiva in Italia ed in ambito internazionale. Nell'ultimo periodo, contrassegnato dagli allestimenti di  grandi mostre antologiche in varie città italiane, ha ulteriormente ampliato i propri orizzonti creativi cimentandosi in tutte le discipline artistiche, come dimostra la vasta produzione di mosaici a contatto con le rinomate botteghe ravennati. Muore a Padova il 5 giugno 1985.

 

Intervengono:

Alberto Cassani, Assessore alla Cultura del Comune di Ravenna

Livia Zaccagnini, Presidente Istituzione Biblioteca Classense

Rosaria Campioni, Soprintendente per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna

Manlio Gaddi, Archivio Storico Tono Zancanaro

Donatino Domini, Direttore Istituzione Biblioteca Classense

Daniela Poggiali,  Gabinetto Disegni e Stampe Biblioteca Classense

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -