Ravenna, la Fiom Cgil porta in tribunale la Marcegaglia

Ravenna, la Fiom Cgil porta in tribunale la Marcegaglia

Ravenna, la Fiom Cgil porta in tribunale la Marcegaglia

RAVENNA - La Fiom provinciale ha depositato ricorso per condotta antisindacale nei confronti della Marcegaglia Spa e la prima udienza è fissata nel Tribunale di Ravenna per la prossima settimana. "La decisione della Fiom Cgil di presentare ricorso al giudice del lavoro per violazione dell'articolo 28 dello Statuto dei lavoratori - spiega il segretario provinciale della Fiom, Milco Cassani - non è una risposta all'accordo che la Fiom di Ravenna non ha firmato nei giorni scorsi"

 

"Piuttosto - continua - la definirei un'azione inevitabile per un sindacato serio che non può tollerare il comportamento che la Marcegaglia ha attuato e dichiarato a partire da novembre scorso, portando dentro all'azienda manodopera a basso costo, grazie al mancato riconoscimento del contratto aziendale per quei lavoratori".

 

Cassani fa poi riferimento alle dichiarazioni, apparse sulla stampa nei giorni scorsi, del segretario provinciale Uilm che ha duramente attaccato la Fiom chiedendo che la politica resti fuori dal sindacato e invitando la Fiom ad accettare il risultato della consultazione fatta in azienda tra i lavoratori."Che la politica si esprima sulle questioni del lavoro non credo sia solo positivo ma anche doveroso - commenta Cassani - . Lo hanno fatto partiti di entrambi gli schieramenti e credo sia giusto che i cittadini sappiano qual è l'opinione dei diversi schieramenti politici. Dal segretario della Uilm gradirei meno ipocrisia, visto che mi risulta essere consigliere comunale a Russi, quindi un ruolo politico che non gli consente di rivendicare quell'autonomia che sembrerebbe pretendere da altri. Sulla democrazia in azienda siamo poi al paradosso. La Uilm nonostante ci provi - conclude Cassani - non è in grado di dare lezioni a nessuno visto che non ha consentito ai lavoratori di esprimersi sul rinnovo del contratto nazionale e sulle deroghe che peggiorano le condizioni dei lavoratori solo per citare i casi più recenti. Nello specifico, nel caso ravennate della Marcegaglia non è stato rispettato il percorso unitario che prevedeva la possibilità di trattare solo all'interno del rinnovo del contratto aziendale. In ogni caso se per la Uilm l'accordo Marcegaglia sul salario d'ingresso è condivisibile, per la Fiom la riduzione del salario fatta in questo modo e in questo contesto, non è certamente una strada da percorrere".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -