Ravenna: La Flc Cgil piange la scomparsa di Giorgio Gaudenzi

Ravenna: La Flc Cgil piange la scomparsa di Giorgio Gaudenzi

RAVENNA - "Ho perso un grande amico ed un punto di riferimento insostituibile". Monica Ottaviani, segretario Cgil Scuola, commenta così l'improvvisa scomparsa di Giorgio Gaudenzi. "Prima di essere uno stimatissimo dirigente scolastico era una persona dai profondi valori etici e morali - ha evidenziato Ottaviani -. Equilibrato, rigoroso, appassionato del suo lavoro che svolgeva con serietà e profondo rispetto e amore per i bambini  e dai quali era istintivamente ricambiato".

 

"Ha vissuto la scuola alla vecchia maniera, come si confà ad un direttore (così amava definirsi) che prima di essere un burocrate è un educatore. Questa è stata la sua missione - ha proseguito -. Ho potuto, in tanti anni di reciproca stima, apprezzarne la semplicità e al tempo stesso la grande preparazione pedagogica, culturale e la sua passione per la storia".

 

"A lui va l'onore di essere, con i suoi bambini e le sue insegnanti, sempre in prima fila durante le grandi occasioni ( il 25 aprile, la festa della Repubblica, la liberazione di Ravenna) in cui è importante "esserci per ricordare" - ha aggiunto -. Così amava ripetermi: non bisogna mai dimenticare da dove veniamo.Insieme abbiamo percorso un pezzo di strada importante ed abbiamo condiviso le preoccupazioni sul futuro della nostra scuola che immaginava pubblica e laica".

 

"Insieme abbiamo ricordato proprio pochi giorni fa la passione sindacale che ci univa - ha chiosato -. Con orgoglio mi raccontavi di essere stato uno dei primi ad avere la tessera della CGIL scuola". "Mi mancherai Giorgio e mi mancheranno le nostre quasi quotidiane conversazioni e riflessioni e ci mancheranno i tuoi contributi sempre densi di sostanza e passione - ha proseguito -. Mancherà ai nostri bambini il tuo sorriso e la tua risata altisonante e mancheranno le tue carezze per ciascuno di loro".

 

"Resterà di te un bellissimo ricordo ed un prezioso insegnamento: l'umiltà dei gesti quotidiani. La scuola ravennate perde oggi un grande uomo ma resterà per sempre il segno del tuo impegno per il rispetto dei valori e per la difesa del ruolo sociale della scuola. Sono certa che la nostra città saprà onorarti come solo i grandi meritano", ha concluso il segretario Generale FLC Cgil.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -