Ravenna, la Polizia Municipale chiude un cantiere edile a Fornace Zarattini

Ravenna, la Polizia Municipale chiude un cantiere edile a Fornace Zarattini

Ravenna, la Polizia Municipale chiude un cantiere edile a Fornace Zarattini

RAVENNA - Gli agenti della Polizia Municipale di Ravenna, in collaborazione con il personale dell'ispettorato del lavoro, sono stati impegnati giovedì in un controllo in un cantiere a Fornace Zarattini, in una lottizzazione residenziale e commerciale, per impiego di personale in nero. Dai controlli è emerso che due dei cinque operai, entrambi italiani, addetti al cantiere lavoravano fuori regola, non essendo il loro nominativo riscontrabile dalle scritture obbligatorie.

 

E' stato questo l'elemento che ha fatto scattare il verbale di sospensione dell'attività edile, cui si sono aggiunte violazioni alle norme sulla sicurezza (decreto legislativo 81/2008) in quanto i due lavoratori non erano stati sottoposti a visita medica, per accertare la loro idoneità fisica alla mansione, né avevano frequentato il corso di formazione in materia di sicurezza sul lavoro nel settore edile sul rischio di infortunio.

 

Al titolare dell'azienda verranno notificate dall'Ispettorato del lavoro, sanzioni amministrative per il lavoro in nero dei due operai (3mila euro per ogni lavoratore) ed un sanzione giornaliera pari a 150 euro per ogni giorno lavorato dai due addetti; infine dovrà essere effettuato il conteggio del recupero contributivo che l'azienda dovrà comunque versare.

 

"Per noi la legalità e la sicurezza sul lavoro sono due obiettivi da perseguire costantemente - ha affermato il sindaco Fabrizio Matteucci-. Ne è la riprova il fatto che da alcuni anni la Polizia municipale ha stretto collaborazioni con gli enti statali preposti come, in questo caso, l'Ispettorato del lavoro. Colgo quindi l'occasione per ringraziare l'Ispettorato del lavoro e la municipale per il risultato ottenuto nell'ambito del controllo edilizio".
 
L'attività di verifica in materia edilizia è costante e continuativa da parte della Polizia Municipale di Ravenna. Anche venerdì gli agenti hanno controllato un cantiere in via Lolli, contestando all'impresa edile una sanzione amministrativa di 150 euro per non avere esposto in modo visibile il cartello di cantiere come previsto dal vigente regolamento edilizio.

 

Una settimana fa, inoltre, la Polizia Municipale ha svolto cinque controlli a cantieri in proprietà private a Roncalceci, quattro dei quali hanno fatto scattare la comunicazione all'autorità giudiziaria per irregolarità. Solo nell'ultimo quadrimestre dell'anno 2010, sono state 44 le verifiche di cantieri presenti su tutto il territorio per presunti abusi in materia edilizia che hanno fatto registrare diverse violazioni.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due denunce sono scattate a carico di figure professionali per false attestazioni alla Pubblica Amministrazione circa la conformità dei lavori eseguiti. Le più gravi, tra le irregolarità riscontrate, prevedono pesanti sanzioni che vanno da una pena pecuniaria massima di oltre 100.000 euro all'arresto fino a 2 anni.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -