Ravenna, la ricaduta economica di Hera in provincia è di 135 milioni

Ravenna, la ricaduta economica di Hera in provincia è di 135 milioni

Ravenna, la ricaduta economica di Hera in provincia è di 135 milioni

RAVENNA - Oltre 135 milioni di euro: tanto e' la ricaduta economica che il gruppo Hera ha portato nel 2009 al territorio di Ravenna. Lo fa sapere il direttore della business unit della Struttura operativa territoriale (Sot) di Ravenna, Tiziano Mazzoni, presentando giovedì mattina, nell'albergo Cappello, il bilancio di sostenibilita' 2009 del gruppo Hera, assieme all'amministratore delegato di Hera, Maurizio Chiarini. In particolare, di questi 135 milioni di euro, 36 milioni sono gli stipendi dei lavoratori delle varie societa' ravennati del gruppo.

 

E ancora: 4,7 gli utili distribuiti agli azionisti pubblici e 0,4 milioni a quelli privati, 8.6 i trasferimenti alla alla pubblica amministrazione (Irap e canoni) e ben 86 milioni i pagamenti a fornitori locali. Per quanto riguarda gli investimenti sul servizio idrico del territorio di Ravenna, nel 2009 Hera ha speso 14,9 milioni di euro: una cifra inferiore a quella del 2008 e del 2007 (quando gli investimenti furono di 17,6 e 18,8 milioni di euro), che e' servita principalmente per l'adeguamento e il potenziamento di alcuni impianti di depurazione (tra cui Fusignano e Lugo), per il collegamento a depurazione di alcuni nuclei abitativi non serviti (Villanova di Ravenna e altri), per la realizzazione del centro di raccolta differenziata di Cotignola e dell'isola ecologica in piazza Andrea Costa a Ravenna.

 

Nelle reti idriche della citta' la percentuale di acqua dispersa e' del 18%, quando "la media nazionale e' del 34%", ricorda Mazzoni. Ma il bilancio di sostenibilita', che (come spiega Bocchi) e' un documento che tira le somme di "cio' che avevamo detto che avremmo fatto e cio' che abbiamo effettivamente realizzato", e che mira a fare un rendiconto anche degli aspetti piu' umani dell'azienda (come il clima di lavoro), dice anche che la soddisfazione dei clienti, a Ravenna, e'  altissima: l'indice di customer satisfaction e' di 70 punti su 100.

 

Un risultato che potrebbe essere legato all'abbassamento dei tempi d'attesa agli sportelli, che nel 2009 sono scesi a una media di 13 minuti (erano 21 nel 2006). I clienti che vanno a fare la fila, invece, sono sempre di piu': ben 72.228 a fronte dei 67.293 del 2008. "E' la dimostrazione che il forte radicamento nel territorio ci premia. Mentre le altre aziende riducono sempre di piu' il contatto diretto con il cliente, noi ci investiamo", afferma Mazzoni.

 

Migliora anche il servizio di depurazione dell'acqua: "La qualita' nei principali depuratori di Ravenna e' mediamente pari al 20% dei limiti stabiliti dalla legge- spiega il direttore- cio' significa che le concentrazioni sono dell'80% piu' basse rispetto al consentito". La raccolta differenziata si e' assestata sulla stessa percentuale del 2008 (50,5% circa), ma nel 2010 Hera Ravenna punta a raggiungere il 54%. Un dato che supera la media regionale (nel 2009 e' stata del 44,8%) e che fa esultare il sindaco, Fabrizio Matteucci: "Sono molto contento di poter dire che, per raccolta differenziata, Ravenna e' la seconda citta' italiana tra quelle con piu' di 100 mila abitanti. E' un grandissimo risultato- afferma- ora lavoriamo per essere i primi".

 

Per quanto riguarda le gare pubbliche e i fornitori, nel 2009 il valore delle forniture richieste a

cooperative sociali, a Ravenna, e' stato di 1,5 milioni di euro, "che hanno consentito l'inserimento di 468 persone svantaggiate nella Sot", spiega Mazzoni. Matteucci coglie l'occasione della presentazione del bilancio di sostenibilita' per affermare che l'amministrazione di Ravenna, entrando a far parte degli azionisti del gruppo Hera, "ha fatto una scelta lungimirante", soprattutto se si considera il dato sull'occupazione ("negli ultimi tre anni il gruppo ha assunto circa 400 persone", ricorda il sindaco) e "il rapporto tra prezzo e qualita' dei servizi". (Dire)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -