Ravenna: la tragedia della paracadutista, slitta l'autopsia

Ravenna: la tragedia della paracadutista, slitta l'autopsia

Ravenna: la tragedia della paracadutista, slitta l'autopsia

RAVENNA - Slitta l'autopsia sul corpo di Melania Giovanna La Mantia, la caporale di 22 anni caduta nel bacino artificiale della cava Ca'Bianca al termine di un lancio col paracadute. L'esame, disposto dal magistrato per sabato mattina presso la camera mortuaria dell'ospedale ‘Santa Maria delle Croci' di Ravenna, è stato rinviato a data ancora da definire dopo che uno dei legali coinvolti nel caso ha presentato riserva di promuovere incidente probatorio.

 

>LE IMMAGINI DEL RITROVAMENTO DELLA SALMA (FOTO DI MASSIMO ARGNANI)
>LE IMMAGINI DELLE RICERCHE DI MERCOLEDI'
>LE IMMAGINI DELLE RICERCHE DI MARTEDI'
>LE IMMAGINI DELLE RICERCHE DI LUNEDI'

 

La Procura ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo. Al momento c'è un nome nel registro degli indagati, ovvero quello del direttore di lancio. Si tratta della persona che indica ai paracadutisti il momento di lanciarsi dall'aereo. L'uomo è difeso dall'avvocato Claudio Arria di Mantova. Non è escluso che il numero degli indagati possa crescere nei prossimi giorni.

 

La tragedia si è consumata sabato pomeriggio scorso. La giovane, in servizio nel 46/o reggimento Trasmissioni dell'Esercito, a Palermo, doveva conseguire il brevetto civile di lancio vincolato con paracaduta ad apertura automatica. Per questo motivo si era lanciata da un'altezza di circa 500 metri insieme ad altri colleghi. Ma qualcosa non ha funzionato. Probabilmente una folata di vento ha spinto la giovane lontana dal punto dove era atteso l'atterraggio, all'aeroporto La Spreta.

 

La 22enne, purtroppo, è precipitata nel bacino artificiale della cava, inabissandosi con il suo paracadute. Giovedì pomeriggio, dopo sei giorni di ricerche, i sommozzatori dei Vigili del Fuoco hanno individuato il corpo ad una profondità di circa dodici metri. Venerdì i familiari della ragazza sono tornati alla cava per depositare un mazzo di fiori nel punto in cui è affondata la soldatessa. Conclusa l'autopsia si attende il nulla osta della Procura per il trasferimento della salma.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -