Ravenna, le "Streghe di Venezia" conclude la stagione d'opera del teatro Alighieri

Ravenna, le "Streghe di Venezia" conclude la stagione d'opera del teatro Alighieri

RAVENNA - Sarà una fiaba moderna per adulti e bambini a concludere la Stagione d'opera del Teatro Alighieri: ‘Le Streghe di Venezia' di Philip Glass, ìn scena (fuori abbonamento) sabato 26 marzo alle 20.30. Una coproduzione Ravenna Festival - Parco della Musica di Roma, dove ha debuttato nel 2009, che ha ripreso l'opera balletto di Glass ispirata alla fiaba di Beni Montresor (artista veronese noto per la sua versatilità di scenografo, scrittore e illustratore per bambini) andata in scena negli anni '90 al Teatro alla Scala. Completamente rivisitata dal compositore, l'opera è stata riallestita da Giorgio Barberio Corsetti, che firma una regia ‘magica' incentrata sull'utilizzo di particolari tecnologie video, mentre i testi sono stati rivisti e integrati dalla penna di Vincenzo Cerami. Un'opera, rivolta a un pubblico di ogni età, che trasmette l'idea che l'infanzia e la sua innocente immaginazione, senza alcuna discriminazione, meritano sempre attenzione e rispetto, in quanto spirito ed essenza della libertà del mondo.

 

Come sottolinea il direttore artistico della Stagione lirica dell'Alighieri Angelo Nicastro: "La scelta di presentare l'opera nella stagione invernale - nonostante sia una produzione di Ravenna Festival - nasce dalla volontà di proporre questo titolo, una fiaba moderna in grado di essere apprezzata da adulti e bambini, anche ai ragazzi delle scuole. Lo spettacolo, inserito nel cartellone di A scuola in teatro, che raccoglie tutte le proposte dell'Alighieri indirizzate ai ragazzi delle scuole della nostra città, è stato al centro di percorso didattico che ha coinvolto oltre 1500 ragazzi che, preparati in questi mesi dai loro insegnanti, diventeranno protagonisti dei matinée (in programma il 25 ed il 26 marzo) cantando alcune parti dell'opera appositamente selezionate. Inoltre per le recite all'Alighieri il coro di voci bianche previsto dalla partitura è stato costituito per l'occasione, selezionando dopo molte audizioni 15 voci bianche che da novembre hanno lavorato intensamente sotto la guida di Elisabetta Agostini".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -