Ravenna, Matteucci all�assemblea dei lavoratori della Nuova Pansac

Ravenna, Matteucci all’assemblea dei lavoratori della Nuova Pansac

Ravenna, Matteucci all�assemblea dei lavoratori della Nuova Pansac

RAVENNA - Il Sindaco ha partecipato insieme agli assessori Matteo Casadio e Gabrio Maraldi all'assemblea dei lavoratori della Nuova Pansac che si è svolta nella tarda mattinata di mercoledì. Al termine dell'assemblea, Matteucci ha dichiarato che "La riunione al Ministero per le attività produttive ha riaperto uno spiraglio per la Nuova Pansac. Si riapre il confronto: la partita vera comincia oggi. E' una partita che il Comune considera decisivo, con l'obiettivo di salvare il punto produttivo e i posti di lavoro".

 

"Noi useremo il bastone e la carota - ha proseguito il primo cittadino - Ma per raggiungere questo obiettivo siamo pronti a fare tutti i passi avanti necessari. In questa direzione va la norma per la Nuova Pansac che inseriremo nella normativa generale del Piano operativo comunale. Una norma che vuole chiudere le porte a qualsiasi speculazione. La norma prevede, per quest'area caratterizzata da attività produttive ancora insediate, la realizzazione del sub-comparto esclusivamente per ‘attuazione indiretta a programmazione unitaria e/o concertata'. La concertazione dovrà prevedere obbligatoriamente i termini e le condizioni di delocalizzazione delle attività produttive esistenti, con la possibilità di associare incentivi premianti ai processi di delocalizzazione che avvengono appunto nell'ambito di una programmazione unitaria e/o concertata e prevedano massima attenzione all'occupazione. A breve - prosegue Matteucci - incontrerò l'Amministratore delegato della società".

 

"Il Comune di Ravenna - prosegue Matteucci - agirà in stretto raccordo con le organizzazioni sindacali. Per noi qualsiasi soluzione della vertenza deve avere il proprio cuore nella salvaguardia dell'attività produttiva e della massima occupazione. Ringrazio i lavoratori, le organizzazioni sindacali, le istituzioni, i parlamentari locali e tutte le forze politiche che si sono impegnati per fare riaprire il confronto. Ma come dicevo, la battaglia vera comincia adesso. Dobbiamo continuare a tenere alta l'attenzione per scongiurare definitivamente la chiusura dello stabilimento di Ravenna e la perdita del lavoro per 81 persone, la cui media di età è di 38 anni".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -