Ravenna: mercoledì il Giorno della Memoria, omaggio alla lapide in stazione

Ravenna: mercoledì il Giorno della Memoria, omaggio alla lapide in stazione

RAVENNA ­- Mercoledì 27 gennaio, ricorre il 65° anniversario dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz (1945). E' il Giorno della Memoria, istituito nel 2000 per "ricordare - come si legge nell'articolo 1 della legge che lo ha previsto - la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati".

 

Alle 11 nell'atrio della stazione ferroviaria omaggio alla lapide in memoria degli ebrei transitati per la stazione di Ravenna con destinazione Auschwitz.

Saranno presenti il vicesindaco Giannantonio Mingozzi e il presidente del consiglio comunale Valter Fabbri. La cerimonia sarà preceduta, alle 9.45 al teatro Rasi, da un evento spettacolo organizzato dall'istituzione Istruzione e Infanzia del Comune e rivolto alla Consulta delle ragazze e dei ragazzi e a classi di scuola elementare e media: "Zingari. L'Olocausto dimenticato", prodotto dal centro teatrale Ipotesi di Genova, interpretato, scritto e diretto da Pino Petruzzelli e tratto dal libro "Non chiamarmi zingaro" dello stesso Petruzzelli.

Sempre il 27 gennaio, in mattinata al teatro Alighieri, "Nel giorno della Memoria", spettacolo musicale in ricordo della Shoah, di Quartetto Klez e Gianfranco Tondini, rivolto agli studenti di terza media, delle scuole superiori, universitari e degli istituti musicali (promosso da Ravenna Manifestazioni).

Oltre alle iniziative di mercoledì molte altre ne sono state promosse nei giorni scorsi e altre ancora sono in programma nei prossimi.

 

Il 28 gennaio alle 10 alla scuola elementare Mordani "Il giorno della memoria, un compagno di scuola, Roberto Bachi, Auschwitz, matricola n. 167973": cerimonia di premiazione delle classi che hanno partecipato al sesto concorso in memoria di Roberto Bachi, organizzato dal secondo circolo didattico con la collaborazione dell'istituzione Istruzione e Infanzia. Sempre il 28 gennaio alle 10, alla sala D'Attorre di Casa Melandri lezione - incontro pubblico con Alberto Burgio, dell'Università di Bologna, su "Modernità e ideologia razzista: l'invenzione delle razze" (in collaborazione con l'Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea in Ravenna e provincia).

 

Il 30 gennaio, alle 10.30 nella sala Muratori della biblioteca Classense, si terrà invece la presentazione, (inizialmente prevista per il 23), del libro "Ricordi della casa dei morti", di Luciana Nissim Momigliano, a cura di Alessandra Chiappano (Fondazione Memoria della Deportazione). L'appuntamento è organizzato in collaborazione con l'Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea in Ravenna e provincia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -